Plastica microscopica: un rischio per la salute cardiovascolare

Date:

Share post:

Nel mondo moderno, la plastica è diventata un elemento onnipresente, pervadendo ogni aspetto della nostra vita quotidiana. Tuttavia, mentre molte persone sono consapevoli dei danni ambientali causati dalla plastica, un aspetto meno noto ma altrettanto preoccupante è il suo impatto sulla salute umana, in particolare sul sistema cardiovascolare. Studi recenti hanno evidenziato una possibile connessione tra l’esposizione alla plastica microscopica e un aumento del rischio di ictus e infarto, sollevando serie preoccupazioni per la salute pubblica.

Ricercatori hanno esaminato le placche di grasso rimosse dai vasi sanguigni di pazienti con malattia arteriosa e hanno scoperto che più della metà avevano depositi contaminati con minuscole particelle di polietilene o cloruro di polivinile. Coloro le cui placche contenevano microplastiche o nanoplastiche avevano una probabilità quasi cinque volte maggiore di subire un ictus, un infarto o morte per qualsiasi causa nei successivi 34 mesi, rispetto a coloro le cui placche erano prive di contaminazione da plastica.

 

Salute cardiovascolare, la plastica microscopica potrebbe aumentare il rischio

La plastica microscopica, o microplastica, si riferisce a frammenti di plastica di dimensioni inferiori a 5 millimetri, che possono derivare da vari prodotti di plastica o essere il risultato del degrado di oggetti più grandi nel tempo. Queste particelle possono essere trovate in una vasta gamma di ambienti, inclusi mari, fiumi, aria e persino cibo e acqua potabile. La loro ubiquità solleva domande urgenti sulla potenziale esposizione umana e sui suoi effetti sulla salute. Una delle principali preoccupazioni legate alla plastica microscopica è la sua capacità di assorbire e accumulare composti chimici tossici presenti nell’ambiente circostante. Questi composti possono includere sostanze come i policlorobifenili (PCB) e i ftalati, noti per il loro impatto negativo sulla salute cardiovascolare.

Quando le particelle di plastica vengono ingerite o assorbite dall’organismo umano, questi composti possono essere rilasciati nel flusso sanguigno, potenzialmente causando danni alle arterie e aumentando il rischio di eventi cardiovascolari. Inoltre, le particelle di plastica microscopica possono agire come vettori per agenti patogeni e microbi, trasportandoli all’interno del corpo umano e facilitandone la diffusione. Questo fenomeno può aumentare ulteriormente il rischio di infiammazione e danni vascolari, contribuendo all’insorgenza di condizioni cardiovascolari come l’aterosclerosi, una delle principali cause di ictus e infarto.

L’inquinamento da plastica microscopica è diventato un problema globale, con studi che hanno rilevato la presenza di queste particelle anche in regioni remote e inaccessibili, come le profondità marine e le cime delle montagne. Questo significa che nessuna comunità è al riparo dall’esposizione e dai potenziali rischi per la salute associati alla plastica microscopica, rendendo urgente la necessità di adottare misure di prevenzione e mitigazione. Per affrontare questa crescente minaccia per la salute pubblica, sono necessarie azioni su più fronti. In primo luogo, è fondamentale ridurre la produzione e l’uso di plastica monouso e promuovere l’adozione di alternative sostenibili e biodegradabili. In secondo luogo, sono necessari investimenti nella ricerca per comprendere appieno gli effetti della plastica microscopica sulla salute umana e sviluppare strategie efficaci per mitigarne gli impatti negativi.

In conclusione, l’impatto della plastica microscopica sulla salute cardiovascolare è un problema emergente che richiede l’attenzione e l’azione immediate delle autorità sanitarie e dei decisori politici. Solo attraverso sforzi concertati a livello globale possiamo sperare di affrontare questa sfida e proteggere la salute delle generazioni future.

Immagine di freepik

Annalisa Tellini
Annalisa Tellini
Musicista affermata e appassionata di scrittura Annalisa nasce a Colleferro. Tuttofare non si tira indietro dalle sfide e si cimenta in qualsiasi cosa. Corista, wedding planner, scrittrice e disegnatrice sono solo alcune delle attività. Dopo un inizio su una rivista online di gossip Annalisa diventa anche giornalista e intraprende la carriera affidandosi alla testata FocusTech per cui attualmente scrive

Related articles

WhatsApp: arriva la sezione dei contatti online di recente

Un'interessante novità è stata scovata in queste ore all'interno dell'ultima beta dell'app WhatsApp per dispositivi Android. Di che...

Cambiamenti climatici: perché l’inflazione può influenzarli?

Negli ultimi decenni, l'inflazione è diventata una delle principali preoccupazioni economiche a livello globale. Allo stesso tempo, i...

Nuove specie di canguri giganti fossili scoperti in Australia e Nuova Guinea

Paleontologi della Flinders University hanno scoperto tre nuove e affascinanti specie di canguro gigante fossile provenienti da Australia...

Recensione Vasco Translator V4: un traduttore simultaneo in 108 lingue

Vasco Translator V4 è un piccolo dispositivo che apre le porte verso un mondo infinito di opportunità, la perfetta soluzione per...