Sodio: scoperti incredibili effetti dalla sua riduzione

Date:

Share post:

Il sodio, sempre se preso con moderazione, è una parte fondamentale per la nostra dieta. È un elettrolita che lo rende importante per mantenere l’omeostasi del nostro corpo, consentendo a molte funzioni di funzionare al meglio e in modo costante. Aiuta anche a bilanciare liquidi e minerali e a controllare i movimenti muscolari. Inoltre non contiene calorie e potrebbe essere una buona aggiunta ai nostri piatti.

Tuttavia se assunto in eccesso può portare molti effetti negativi, uno dei quali è senza dubbio il rischio di sviluppare malattie cardiache. Se siamo a rischio di sviluppare queste malattie, dobbiamo stare attenti alla quantità di sodio che consumiamo. Secondo un nuovo studio ridurre l’assunzione di sodio può aiutare a prevenire il sovraccarico di liquidi e gli esiti sfavorevoli per i pazienti con insufficienza cardiaca.

 

Ridurre l’assunzione di sodio può portare effetti incredibili per la nostra salute

Lo studio ha esaminato persone di età superiore ai 18 anni situati in 6 paesi. Questi pazienti avevano insufficienza cardiaca cronica e hanno ricevuto un trattamento medico orientato alle linee guida ottimamente tollerato, una dose più favorevole di un farmaco o un trattamento che non causa effetti collaterali inaccettabili. in seguito hanno progettato lo Study of Dietary Intervention per verificare se una riduzione del sodio nella dieta riduce o meno l’incidenza di eventi clinici futuri. Hanno assegnato 806 pazienti a una dieta a basso contenuto di sodio tra il 2014 e il 2020.

I risultati dello studio hanno suggerito che l’ospedalizzazione per insufficienza cardiaca si è verificata il 2% in meno nei pazienti con una dieta a basso contenuto di sodio rispetto ai pazienti con le cure comuni. Limitare il sodio nella dieta aiuta a ridurre al minimo la quantità di liquidi extra intorno al cuore, ai polmoni e alle gambe. Se abbiamo liquidi in più nel corpo, il nostro cuore lavora di più. Questo potenzialmente aumenterà la pressione sanguigna. Quindi nel fine di ridurre l’assunzione di sodio lo studio suggerisce di provare alcuni metodi che possono aiutare o gestire l’insufficienza cardiaca. Scopriamo insieme quali sono:

  • Mangiamo cibi ricchi di fibre che ci aiuteranno a mantenere o raggiungere un peso corporeo sano.
  • Utilizziamo ingredienti freschi che contengono poco o nessun sale aggiunto.
    Se non abbiamo verdure fresche, usiamo quelle surgelate o in scatola che contengono poco sale oppure laviamole prima di cuocerle. Lo stesso vale per la frutta.
  • Sostituiamo o rimuoviamo alcuni ingredienti ad alto contenuto di sodio nelle ricette preferite.
  • Evitiamo gli alimenti non deperibili e facili da conservare che hanno una durata di conservazione elevata.
  • Controlliamo l’etichetta nutrizionale e cerchiamo gli alimenti che contengono 600 milligrammi o meno di sodio.
  • Evitiamo le carni in scatola, stagionate o affumicate e gli articoli come i salumi

I sintomi dell’insufficienza cardiaca includono mancanza di respiro, affaticamento o gonfiore di piedi, caviglie, gambe, addome o vene del collo. I rischi di insufficienza cardiaca includono la malattia coronarica, che è il tipo più comune di malattia cardiaca, e attacchi di cuore. Esistono altri problemi che includono il diabete, la pressione alta, l’obesità e la cardiopatia valvolare. Se ci troviamo in presenza di uno o più di questi sintomi è il momento di fare degli accertamenti e consultare il proprio medico.

Foto di Bruno /Germany da Pixabay

Annalisa Tellini
Annalisa Tellini
Musicista affermata e appassionata di scrittura Annalisa nasce a Colleferro. Tuttofare non si tira indietro dalle sfide e si cimenta in qualsiasi cosa. Corista, wedding planner, scrittrice e disegnatrice sono solo alcune delle attività. Dopo un inizio su una rivista online di gossip Annalisa diventa anche giornalista e intraprende la carriera affidandosi alla testata FocusTech per cui attualmente scrive

Related articles

Scoperto il gene colpevole: la nuova frontiera nella comprensione delle emicranie

L'emicrania, un disturbo neurologico debilitante che affligge milioni di persone in tutto il mondo, ha finalmente trovato una...

Il pensiero riflessivo potenzia il cervello adolescenziale contro la violenza

Il pensiero riflessivo, noto anche come pensiero critico, è la capacità di analizzare e valutare le proprie esperienze...

Marte: una pianta che potrebbe crescere sul pianeta rosso

L'idea ormai sembrerebbe quella di andare a popolare altri corpi celesti, e i motivi possono essere vari. Per...

iPhone SE 4 avrà lo stesso processo produttivo di iPhone 16

Il prossimo smartphone low-cost della mela morsicata, iPhone SE 4 sarà molto più simile ad iPhone 16 di...