Array

Vodafone: problemi di connettività alla rete fissa durante la notte

Date:

Share post:

Nel corso della notte, numerosi utenti Vodafone hanno lamentato un diffuso malfunzionamento della rete fissa e l’impossibilità di potersi connettere al network dell’operatore.

Intorno alle 22:30/23:00, buona parte dell’Italia ha iniziato a rilasciare i primi feedback sul malfunzionamento della rete ADSL ed in Fibra Ottica. Una situazione del tutto analoga a quella verificatasi nelle prime ore del mattino di ieri per i clienti TIM nel sud Italia (Sicilia, Calabria e Puglia).

I clienti Vodafone ADSL e Vodafone Fibra Ottica hanno riportato l’improvviso blocco della rete e l’impossibilità di navigare in rete ed utilizzare i servizi di streaming online di Netflix e Youtube. Problemi che hanno generato un allarmismo generale, che si è risolto in un gran numero di segnalazioni alla pagina Facebook di supporto della compagnia telefonica. Come riferito dalle fonti, le zone colpite sono state soprattutto quelle di Firenze, Venezia e Torino.

In pochi minuti, in particolare su Twitter, le segnalazioni si sono intensificate ramificandosi a livello nazionale. Per fortuna, il problema si è limitato alle ore notturne, portando al minimo i disagi. Un malfunzionamento nelle ore del giorno, di fatto, avrebbe causato non pochi problemi. La problematica è stata risolta tempestivamente, e già alle prime ore dell’alba tutto è tornato alla normalità.

Al momento, comunque, non è stato comunicata la natura del problema riscontrato, sebbene molti utenti che hanno utilizzato DNS alternativi come quelli di Google (8.8.8.8 / 8.8.4.4) riferiscono di aver tranquillamente navigato in rete senza alcun problema. In tal caso, quindi, il problema potrebbe essere dovuto all’infrastruttura per la traduzione degli indirizzi di dominio Vodafone.

State navigando senza problemi? Se riscontrate malfunzionamenti provate a cambiare i DNS della vostra rete e fateci sapere. Aspettiamo un vostro commento.

FONTE

Federica Vitale
Federica Vitalehttps://federicavitale.com
Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

quattro × 5 =

Related articles

WhatsApp: i messaggi fissati nelle chat si evolvono

WhatsApp continua a lavorare a modi alternativi per aumentare le interazioni tra utenti all'interno del suo servizio di...

L’Aumento Senza Precedenti della CO2: Un Allarme per il Clima Globale

L'aumento dell'anidride carbonica (CO2) nell'atmosfera è oggi un fenomeno di grande preoccupazione per scienziati e ambientalisti di tutto...

L’autismo e i microbi intestinali: una connessione profonda

L'autismo è un disturbo neurosviluppale complesso che colpisce la comunicazione sociale, i comportamenti ripetitivi e la capacità di...

Prospettive sulla terapia genica per la sindrome del “bambino bolla”

La sindrome del "bambino bolla", scientificamente nota come epidermolisi bollosa (EB), è una malattia genetica rara e devastante...