Queste nuove batterie flessibili possono essere stampate direttamente sui tessuti

Date:

Share post:

Un team di ricercatori sta lavorando ad un tipo di batterie flessibili che possono essere stampate direttamente sul tessuto. La ricerca è stata motivata dal problema di come alimentare i dispositivi portatili. I piccoli gadget hanno spesso bisogno di fonti di energia significative, ma le batterie ingombranti non sono un’opzione sempre possibile. La nuova tecnica, quindi, consente alla persona di usare letteralmente batterie flessibili che alimentino il proprio dispositivo.

Nazmul Karim, esperto di Knowledge Exchange presso l’Università di Manchester, e coautore del documento di ricerca sulla tecnologia che opera sulla batteria, afferma: “Aprirà le possibilità di creare un settore e-textile intelligente e conveniente in grado di memorizzare energia e monitorare l’attività umana e la condizione fisiologica allo stesso tempo“.

Generalmente, i wearables si affidano a dispositivi noti come supercapacitori per dare loro carica. Questi agiscono come una batteria, ma permettono anche una rapida carica che può alimentare completamente i dispositivi in ​​pochi secondi. La nuova tecnologia è, dunque, un supercapacitori flessibile allo stato solido che funziona utilizzando inchiostro condensato di grafene-ossido per stampare su tessuto di cotone.

La ricerca spiega che gli elettrodi stampati hanno una buona stabilità grazie all’eccellente interazione tra l’inchiostro e il substrato tessile. L’ulteriore sviluppo dei supercapacitori stampati con grafene ossido potrebbe portare a una tecnologia usurabile molto più comune. Le applicazioni di questa gamma tecnologica sono utilizzate nell’abbigliamento sportivo ad alte prestazioni che potrebbe monitorare la salute e le prestazioni a scopi militari. L’abbigliamento che controlla i dati della salute per i malati o chi soffre condizioni anomale in corso potrebbe anche essere un uso possibile orientata a questa tecnologia innovativa.

Batteria flessibile e stampabile

Computer portatili

L’idea di trasferire questa tecnologia su un computer portatile potrebbe non essere troppo lontana. Il dottor Karim spiega: “Lo sviluppo di supercapacitori flessibili su tessuto a base di grafene, utilizzando una tecnica di stampa semplice e scalabile, è un passo importante verso la realizzazione di tessuti elettronici portatili multifunzionali di nuova generazione“.

L’ossido di grafene può essere prodotto a un costo relativamente basso in una soluzione simile a quella stampabile. Questo inchiostro può essere applicato a tessuti di cotone per creare i supercapacitori che diventano parte del tessuto stesso.

Inoltre, il dispositivo è lavabile: il che rende praticamente possibile utilizzarlo per i futuri vestiti intelligenti. Questo lavoro apre la strada alla stampa di altri tipi di dispositivi su tessuti usando inchiostri 2D.

La ricerca sulla batteria è stata pubblicata sulla rivista 2D Materials.

Related articles

Alzheimer prima dei vent’anni: il caso

La maggior parte dei casi di Alzheimer si presentano oltre una certa età, di solito oltre ai 70...

Sempre più contactless: il futuro dei pagamenti è già qui

Il denaro sempre più contactless: una tendenza inarrestabile. Dalle carte contactless ai pagamenti con lo smartphone, il modo...

Recensione Tomb Raider 1-3 Remastered: rivivere i classici di un tempo

Tomb Raider 1-3 Remastered rappresenta per molti di noi un piacevolissimo tuffo nel passato, la perfetta occasione per rivivere l'esperienze vissute...

Recensione Banishers: Ghosts of New Eden – un GDR con una forte impronta narrativa

Banishers: Ghosts of New Eden è l'ultima fatica di DON'T NOD, esperto team di sviluppatori che nel corso degli...