Recensione Motorola Moto G84: economico ma di ottima qualità

Date:

Share post:

La fascia di mercato al di sotto dei 250 euro è divenuta con il tempo sempre più ricca di prodotti di qualità pronti a darsi letteralmente battaglia, nell’ottica comunque di fornire al consumatore il migliore rapporto qualità/prezzo attualmente possibile. Uno degli smartphone più interessanti resta senza dubbio Motorola Moto G84, scopriamolo meglio da vicino con la nostra recensione completa.

Design e Estetica

Il prodotto presenta dimensioni decisamente contenute rispetto a ciò che siamo solitamente abituati a vedere, raggiungendo per la precisione 160 x 74,4 x 7,6 millimetri di spessore, con un peso di 166,8 grammi. La prima cosa che notiamo sono spessore ridottissimo, addirittura inferiore a 8 millimetri, ed un peso altrettanto interessante, che facilita sicuramente la portabilità.

Ciò è reso possibile dalla presenza di plastica sia sul frame che nella parte posteriore, materiale che ha garantito un alleggerimento generale del prodotto, mantenendo però inalterate le sensazioni al tocco. Non sembrerà un dispositivo premium, però ha una back cover opaca con una finitura in similpelle davvero molto bella ed elegante. Il modulo delle fotocamere è quadrato, con i due sensori posti sul lato sinistro (in verticale) e circondati nel perimetro da una finitura argentata, anch’essa caratteristica che innalza il livello qualitativo generale. Il frame è piatto, sul lato destro troviamo tasti di accensione/spegnimento e volume, mentre inferiormente spicca la presenza di jack da 3,5mm (cosa molto rara anche in tale fascia di prezzo), affiancato da USB-C e altoparlante fisico per la riproduzione musicale o vivavoce.

 

Hardware e Specifiche

Il display è un pOLED da 6,5 pollici di diagonale, con risoluzione FullHD+ (2400 x 1080 pixel) e 402ppi, tutto condito con un rapporto schermo/corpo dell’87,2% ed un formato 20:9. La luminosità massima è di 1300 nits, più che sufficiente per l’utilizzo sotto la luce solare diretta, refresh rate tra 60 e 120Hz (non variabile, fisso tra le due parti), touch sampling a 240Hz e gamma cromatica coperta completamente, per quanto riguarda lo spazio colore DCI-P3. Il pannello è di ottima qualità, per la fascia di prezzo di posizionamento, con colori ben tarati, dettagli e nitidezza molto interessanti, migliorati appunto dalla suddetta reattività dettata dal refresh rate elevato.

Il processore è Qualcomm Snapdragon 695 5G, octa-core con frequenza di clock fissata a 2,2GHz, processo produttivo a 6 nanometri, ed appunto modem 5G installato al suo interno. La configurazione si completa con 12GB di RAM LPDDR4x e 256GB di memoria interna UFS 2.2. In termini pratici le prestazioni sono discrete, allineate con la fascia di prezzo di prezzo, la fluidità non è eccelsa, ma non abbiamo notato lag o rallentamenti particolari.

Lo sblocco avviene tramite il riconoscimento del viso 2D ed il sensore per le impronte digitali all’interno del display, entrambi di buona qualità e velocità. Motorola Moto G84 è uno smartphone 5G, con il carrellino delle SIM che permette di inserire sia l’espansione di memoria tramite microSD, che una seconda SIM. La connettività passa poi per WiFi acbluetooth 5.1, chip GPS e jack audio da 3,5mm. L’audio, a differenza di quanto avremmo potuto pensare, è stereo, vengono sfruttati sia l’altoparlante fisico che la capsula auricolare, raggiungendo una buona qualità generale, ed un volume massimo più che sufficiente.

 

Fotocamera, sistema operativo e batteria

Il comparto fotografico è rappresentato da due sensori nella parte posteriore, un principale da ben 50 megapixel con apertura F1.9 e stabilizzatore ottico integrato, seguito da un grandangolare da 8 megapixel con apertura F2.2 (che funge anche da macro). In condizioni di forte luminosità le immagini sono sufficientemente dettagliate, notiamo una nitidezza superiore al normale, con colori correttamente riprodotti nella stragrande maggioranza delle occasioni. Ciò che fa la differenza è lo stabilizzatore ottico integrato che svolta la vita in condizioni di scarsa luminosità, rimuovendo completamente il micromosso dagli scatti, riuscendo così ad innalzare qualitativamente la resa ed i dettagli (qui si nota il grande lavoro svolto da Motorola per differenziarsi dalla massa).

video sono registrati al massimo in FullHD 60fps, sebbene sia presente lo stabilizzatore ottico integrato, non sono stabili quanto avremmo effettivamente sperato. Buona la messa a fuoco in ogni condizione. Anteriormente è stato posizionato un sensore da 16 megapixel, con apertura F2.5, di discreta qualità, non presenta negatività particolari da segnalare, la possiamo ritenere nella media.

Il sistema operativo è Android 14, con la certezza di ricevere aggiornamenti di sicurezza per i prossimi 3 anni, e praticamente privata di alcuna personalizzazione software. La possiamo ritenere a tutti gli effetti una versione quasi Android Stock, come tutti i modelli precedentemente recensiti di Motorola, con poche modifiche, se non il Ready for wireless, il gametime, le moto actions e poco alto (peccato per la solita assenza di un vero e proprio always on display). La batteria è da 5000mAh, con supporto alla ricarica a 30W, senza wireless o inversa. Come la maggior parte dei dispositivi di fascia bassa, anche il Motorola Moto G84 permette di godere appieno delle sue funzionalità per circa due giorni consecutivi, prima di ricorrere alla presa a muro.

 

Motorola Moto G84 – conclusioni

In conclusione Motorola Moto G84 è a tutti gli effetti lo smartphone da acquistare ad occhi chiusi nel momento in cui foste interessati ad uno smartphone da meno di 250 euro, un prodotto dal rapporto qualità/prezzo davvero eccellente, impreziosito dalla presenza di un display ed una fotocamera principale di livello nettamente superiore. L’unico difetto? forse le prestazioni generali, in alcune occasioni ha dimostrato di essere leggermente indietro rispetto ai diretti concorrenti, ma restano comunque dettagli considerando la fascia di prezzo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

15 + diciotto =

Related articles

Organoidi e modelli embrionali: nuova frontiera nella definizione dell’individualità umana

Negli ultimi anni, la biotecnologia ha fatto passi da gigante, portando alla creazione di strutture biologiche complesse come...

La Pianta Più Famosa di Londra: Il Fiore Cadavere

Se ti trovi a Londra e visiti i Kew Botanic Gardens, non vorrai perderti la straordinaria esperienza di...

Caffeina: un desiderio genetico o una passione acquisita?

La caffeina è una delle sostanze psicoattive più consumate al mondo, presente in caffè, tè, cioccolato e numerose...

Apple lancerà 2 nuovi modelli di AirPods entro fine anno

Sembra che Apple sia finalmente pronta a sfornare nuovi modelli di auricolari wireless. Il 2023 non è stato...