Recensione Shark RV2500SEU – robot aspirapolvere con svuotamento automatico

Date:

Share post:

Shark RV2500SEU è il robot aspirapolvere con intelligenza artificiale e stazione di svuotamento automatico, utilissima per non dover continuamente svuotare manualmente il serbatoio del dispositivo. In vendita ad un prezzo di listino di 599 euro, vediamolo da vicino nella nostra recensione completa.

 

Design e Specifiche

Il prodotto presenta un design classico, allineato con gli altri dispositivi dello stesso tipo, senza differenze particolari. E’ interamente realizzato in plastica, i materiali sono di ottima qualità, appare essere resistente e robusto, non troppo incline a rovinarsi con gli ostacoli che potrebbe incontrare. Superiormente troviamo la torretta laser, per la navigazione, un inserto argentato che spezza la colorazione nera, nonché due pulsanti fisici, sormontati da spie LED che ne testimoniano lo stato.

Dimensionalmente parlando è abbastanza sottile, infatti raggiunge 10 centimetri di spessore, con un diametro di 34 centimetri, allineato alle aspettative e agli standard a cui siamo abituati. La caratteristica principale di questo modello è la presenza della stazione di svuotamento automatico, di forma rettangolare con design identico al robot, raggiunge dimensioni complessivamente inferiori ad altri modelli che abbiamo recensito in passato, risultando più facile da posizionare in ambienti non troppo grandi.

Il sistema di controllo si concentra nella parte superiore, dove trovano posto due comode spie LED che indicano l’effettivo collegamento alla presa a muro, ed il corretto posizionamento del robot. Sempre superiormente possiamo accedere al filtro ed al serbatoio, questi dispone di un’ottima capacità, da utilizzare senza sacchetto (risparmio per l’utente e meno inquinamento per l’ambiente), con svuotamento richiesto dopo circa 3 settimane di utilizzo giornaliero. Tale stima varia in relazione alla grandezza degli ambienti, molto buona la silenziosità, l’aspirazione dello sporco è rumorosa ma non troppo, se ne sconsiglia comunque l’utilizzo nelle ore notturne.

 

Hardware e Specifiche

Lo Shark RV2500SEU è un prodotto adatto agli allergici, grazie al sistema Anti-Allergen Complete Seal, infatti, è in grado di catturare il 99,9% della polvere e degli allergeni, sfruttando appunto il filtro presente direttamente all’interno della base di svuotamento.

La pulizia degli ambienti è accurata ed approfondita, grazie alla modalità UltraClean, una soluzione che riesce a garantire un livello di pulizia del 30% superiore sui tappeti, rispetto alla funzione con passaggio unico. Le differenze sono più che altro dettate dal doppio passaggio del prodotto in fase di pulizia, riuscendo così a catturare più polvere e sporcizia del normale. La potenza è generalmente buona, nelle fasi di pulizia non risulta essere troppo rumoroso (allineato con gli standard del settore), in tutte e tre le potenze selezionabili all’avvio (eco, normale o massima).

La navigazione avanzata LIDAR sfrutta un laser a 360 gradi, dopo aver effettuato un primo giro di ricognizione, con una mappatura più che adeguata e precisa, il sistema riesce a riconoscere alla perfezione ostacoli ed oggetti sul proprio cammino a 360 gradi, risultando molto più delicato di tanti altri robot aspirapolvere, anche di fascia superiore. Il funzionamento è perfetto sia con forte luminosità che al buio completo, riuscendo a seguire alla perfezione le linee di pulizia, senza perdere nemmeno un centimetro dell’ambiente selezionato.

Nella parte inferiore troviamo due spazzole laterali, fondamentali per la pulizia degli angoli o dei bordi, ed una spazzola centrale di grandi dimensioni. Il suo design è dotato delle setole PowerFins, viste sulla scopa elettrica, sempre contatto con il pavimento, per riuscire a rimuovere facilmente i detriti di ogni dimensione da qualsiasi pavimento. In aggiunta, grazie alla tecnologia Anti Hair Wrap, in automatico è in grado di rimuovere capelli o peli di animali dalla spazzola, mentre lo stesso robot sta effettuando la pulizia.

L’autonomia è di circa 120 minuti, complessivamente più che buona ed allineata con gli standard, è comunque presente la funzione che prevede il ritorno automatico alla base, per riprendere la pulizia nel momento in cui dispone della carica necessaria per il completamento dell’operazione. Non mancano, per dovere di cronaca, i sensori anti-caduta, per evitare ad esempio che il robot possa cadere dalle scale, né la compatibilità con gli assistenti vocali, quali Amazon Alexa o Assistente Google.

Il controllo dello Shark RV2500SEU può avvenire da remoto, data la possibilità di collegarlo al WiFi di casa, sfruttando l’applicazione ufficiale compatibile con Android e iOS. L’interfaccia è decisamente semplificata, le opzioni di personalizzazioni sono minime, anche se comunque è facile raggiungere tutte le informazioni del caso. Dalle varie schermate si potrà vedere la mappa dell’abitazione, suddividendola a piacimento in più stanze, ma non la pulizia in tempo reale, oppure programmare le attività in determinati orari delle giornate della settimana e visualizzare le attività precedenti.

In termini di personalizzazione, invece, all’avvio della pulizia si potrà scegliere se pulire tutto l’ambiente o solo alcune stanze, eventualmente vietando l’accesso a determinate aree, scegliendo anche la potenza di aspirazione (o optando per la modalità UltraClean). Tutto con pochi clic.

 

Shark RV2500SEU – conclusioni

In conclusione Shark RV2500SEU è un buon robot aspirapolvere, il suo punto di forza è sicuramente l’adattabilità a qualsiasi ambiente, è infatti un prodotto relativamente piccolo e facile da posizionare, dotato di un design minimale e materiali di qualità. Le prestazioni sono adeguate alla fascia di prezzo, la base di svuotamento è ben congeniata, apprezzata l’idea di non inserire il sacco, che sarebbe da acquistare a parte oltre che inquinante, riducendo difatti la spesa accessoria dell’utente. L’applicazione mobile ben fatta, ma dotata di una interfaccia che forse andrebbe leggermente svecchiata.

Related articles

Influenza aviaria: quanto è a rischio l’uomo?

L'influenza aviaria è una di quelle patologia che tornano alla cronaca ciclicamente a seconda dei ceppi e di...

Il mistero del “lago fantasma” Tulare: scompare ancora una volta dopo una breve riapparizione

Il lago Tulare della California, conosciuto anche come Pa'ashi dalla tribù indigena Tachi Yokut, ha una storia intricata...

Threads di Instagram è un successo, ma nasconde un’insidia non da poco

Threads è la nuova funzione di Instagram che rende il noto social network di Meta molto più simile a Twitter, gli...

Scienza: perché rimaniamo affascinati dalle eclissi solari?

Le eclissi solari, quegli eventi celesti che vedono la Luna oscurare parzialmente o completamente il disco solare, continuano...