Clubhouse finalmente su Android: ecco come scaricare l’app

Date:

Share post:

E finalmente Clubhouse è disponibile anche per smartphone Android. È ancora in fase di rilascio in una versione beta iniziale. L’idea in queste prime settimane è raccogliere feedback dalle persone e apportare miglioramenti all’app.

Come noto, ad aprile 2020 era giunto su iOS come un’app che avrebbe trasformato il mondo dei social network. Ormai quasi tutte le piattaforme, da Twitter a Telegram, hanno funzioni simili e le offrono su iOS e Android, cosa che Clubhouse, fino ad ora, non poteva offrire. E diciamo “finora” perché l’azienda ha ufficialmente rilasciato la sua app per Android.

In altre parole, ora è possibile scaricare Clubhouse su qualsiasi cellulare Android dal Google Play Store. Va notato che si tratta di accesso anticipato/beta, quindi è possibile che ci siano degli errori specifici o che l’esperienza non sia ottimale su tutti i dispositivi. Inoltre, è importante ricordare che scaricarlo e installarlo non è sinonimo di accesso, poiché Clubhouse è ancora un social network a cui si accede su invito.

 

Clubhouse: scopri come scaricare sul tuo telefono Android

Per scaricare Clubhouse su Android dobbiamo semplicemente accedere a Google Play e scaricarlo sul nostro smartphone. L’applicazione è molto leggera, quindi in linea di principio non dovrebbero esserci problemi durante l’installazione su qualsiasi terminale. Una volta installato, possiamo fare due cose, a seconda che siamo stati invitati a partecipare in precedenza o meno.

Se abbiamo già un account, cioè se qualcuno ci ha precedentemente invitato e ci siamo iscritti alla piattaforma, dovremo semplicemente inserire il nostro numero di cellulare. L’app ci invierà un codice di quattro cifre per verificare la nostra identità che dovremo inserire. Una volta dentro, l’operazione è simile alla versione iOS.

Federica Vitale
Federica Vitalehttps://federicavitale.com
Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

Related articles

Scoperto il gene colpevole: la nuova frontiera nella comprensione delle emicranie

L'emicrania, un disturbo neurologico debilitante che affligge milioni di persone in tutto il mondo, ha finalmente trovato una...

Il pensiero riflessivo potenzia il cervello adolescenziale contro la violenza

Il pensiero riflessivo, noto anche come pensiero critico, è la capacità di analizzare e valutare le proprie esperienze...

Marte: una pianta che potrebbe crescere sul pianeta rosso

L'idea ormai sembrerebbe quella di andare a popolare altri corpi celesti, e i motivi possono essere vari. Per...

iPhone SE 4 avrà lo stesso processo produttivo di iPhone 16

Il prossimo smartphone low-cost della mela morsicata, iPhone SE 4 sarà molto più simile ad iPhone 16 di...