Covid-19: una nuova comprensione di come il virus infetti gli umani

Date:

Share post:

Un nuovo studio ha fornito il colesterolo deuterato per ottenere una migliore e maggiore comprensione di come la proteina spike del Covid-19 infetta le cellule umane, attraverso un meccanismo di fusione della membrana. Nei composti deuterati è l’idrogeno che viene sostituito dal deuterio. Il colesterolo deuterato può essere utilizzato come sonda molecolare per determinare come quest’ultimo si espande sulla membrana. Inoltre è in grado di determinare l’ordine impilamento degli strati di membrana.

I ricercatori dell’Università di Cambridge hanno chiarito come i peptidi di fusione, brevi sequenze proteiche, inizino l’infezione da Covid utilizzando un modello di interazioni di membrana. I peptidi fungono da ponte tra la membrana ospite e l’involucro virale per promuovere la fusione.

 

Covid-19, ecco come il virus infetta le cellule umane

Una fase critica dell’infezione si verifica quando l’involucro della proteina spike del Covid-19 si fonde con la membrana della cellula ospite per creare un percorso che permette al virus di entrare. Oltre a chiarire due potenziali meccanismi molecolari, hanno scoperto che sia il calcio che il colesterolo influenzavano le interazioni tra i peptidi e la membrana della cellula ospite. Il team di ricercatori ha utilizzato un’insieme di tecniche di analisi dei neutroni per essere in grado di distinguere tra gli strati delle membrane virali e dell’ospite e altre tecniche di neutroni per comprendere i cambiamenti dinamici delle membrane.

Il colesterolo era un componente chiave del modello di membrana cellulare e forniva un contrasto che poteva essere distinto dagli altri componenti dello strato. La presenza o l’assenza di calcio può influenzare l’orientamento della molecola di colesterolo, facendola diventare più spessa o più sottile. Sebbene lo scattering di neutroni associato a questa ricerca sia stato effettuato presso l’Institut Laue-Langevin in Francia, molti degli utenti scelgono di rivolgersi ad ANSTO per utilizzare gli strumenti di scattering di neutroni perché possono accedere facilmente ai composti deuterati su misura dell’NDF. La nostra struttura può produrre quantità relativamente grandi, che sono generalmente necessarie negli esperimenti sui neutroni.

Foto di Lothar Dieterich da Pixabay

Marco Inchingoli
Marco Inchingoli
Nato a Roma nel 1989, Marco Inchingoli ha sempre nutrito una forte passione per la scrittura. Da racconti fantasiosi su quaderni stropicciati ad articoli su riviste cartacee spinge Marco a perseguire un percorso da giornalista. Dai videogiochi - sua grande passione - al cinema, gli argomenti sono molteplici, fino all'arrivo su FocusTech dove ora scrive un po' di tutto.

Related articles

Recensione AVM FRITZ!Powerline 1240 AX: powerline compatibile con WiFi 6

AVM FRITZ!Powerline 1240 AX è il set perfetto per tutti coloro che sono alla ricerca di un prodotto che...

Il Problema Matematico di Super Mario: Una Sfida Impossibile

Ricercatori del Massachusetts Institute of Technology (MIT) hanno affrontato una questione intrigante: è possibile determinare se i livelli...

Terapia del suono: un rimedio naturale per migliorare il sonno

Il sonno è una componente fondamentale per la salute e il benessere generale di una persona. Tuttavia, molte...

WhatsApp porta il tastierino numerico nella sua app

WhatsApp continua a migliorare la sua app per dispositivi Android e iOS. Poche ore fa, è stata scovata...