Covid-19: Pfizer sta sperimentando una pillola che potrebbe combattere il virus

Date:

Share post:

Sebbene siamo concentrati molto sui vaccini, sugli effetti collaterali e su quale sia meglio, Pfizer sta sperimentando una pillola che potrebbe combattere definitivamente il Covid-19. È troppo bello per essere vero, ma i risultati risultano essere alquanto promettenti anche se ancora all’inizio della sperimentazione.

La maggior parte degli agenti antivirali che abbiamo provato per trattare il Covid-19 mirano alla risposta infiammatoria e immunitaria derivante dall’infezione, la pillola di Pfizer prende di mira direttamente il SARS-CoV-2 , il virus stesso. La maggior parte della malattia associata al Covid-19 è dovuta all’intensa risposta infiammatoria e immunitaria che può verificarsi con un’infezione. I trattamenti con miglior successo finora prendono di mira proprio questa risposta immunitaria troppo zelante.

 

Covid-19, Pfizer sta sperimentando una pillola che combatte il virus

Presa all’inizio della malattia, il corticosteroide budesonide per via inalatoria, ha dimostrato di ridurre lo sviluppo di malattie più gravi. Nelle persone ricoverate in ospedale che richiedono ossigeno, il desametasone corticosteroide orale riduce la probabilità di morte. Nei casi più gravi, il tocilizumab antinfiammatorio somministrato per via endovenosa offre a una persona una migliore possibilità di sopravvivenza.

Tuttavia questi trattamenti non prendono di mira il SARS-CoV-2 stesso; solo le conseguenze dell’infezione. Prendere di mira direttamente il virus si è rivelato piuttosto difficile. Il virus SARS-CoV-2 deve entrare in una cellula ospite per riprodursi. Lo fa usando la sua proteina spike per attaccarsi alla cellula, e poi usa le proteine ​​della cellula per ottenere l’ingresso.

Una volta all’interno rompe il suo involucro esterno e rilascia il suo RNA virale. Questo funge da modello, consentendo al virus di replicarsi e quindi infettare altre cellule. In qualsiasi momento di questo ciclo di vita il virus potrebbe essere vulnerabile a un intervento. Quindi un farmaco che potrebbe colpire efficacemente il 3CLpro e prevenire la replicazione del virus potrebbe essere utile contro più coronavirus noti e possibilmente contro quelli che emergeranno in futuro.

 

Blocca la proteasi

Gli inibitori della proteasi sono stati utilizzati con successo per il trattamento di altre infezioni virali, infezioni soprattutto croniche, come l’HIV e l’epatite C. Sono stati proposti all’inizio della pandemia come possibile trattamento per COVID-19. Ma il farmaco per l’HIV lopinavir-ritonavir si è dimostrato inefficace in due studi clinici, con livelli di farmaco probabilmente troppo bassi per funzionare contro SARS-CoV-2 .

Una dose più elevata potrebbe essere efficace, probabilmente produrrebbe anche più effetti collaterali. Nessuno di questi agenti è stato progettato specificamente per colpire SARS-CoV-2. Tuttavia Pfizer/BioNtech ha identificato una piccola molecola, PF-00835231, che blocca la proteasi 3CLpro. È stato originariamente progettato contro SARS-CoV-1, ma l’enzima nei due virus è quasi identico.

Sembra ridurre la replicazione di una serie di coronavirus tra cui SARS-CoV-2 nelle cellule in laboratorio. Ha anche ridotto la replicazione virale in un certo numero di modelli animali, senza segnali di sicurezza negativi. È importante notare che questa ricerca non è stata ancora sottoposta a revisione paritaria, quindi serviranno ulteriori studi per capire se davvero efficace.

Il prossimo passo sarebbero gli studi di fase 2 o 3 per vedere se migliorano i risultati in Covid-19. Di solito questo processo richiede anni, ma poiché la pandemia continua a imperversare a livello globale, Pfizer afferma che lo farà in pochi mesi, se gli studi di fase 1 avranno successo. Il recente suggerimento del CEO di Pfizer che la pillola potrebbe essere disponibile entro la fine dell’anno è probabilmente una possibilità. Ma la pandemia ci ha mostrato cosa è possibile nel regno dei rapidi progressi scientifici e guarderemo questo spazio con interesse.

Foto di Christian Trick da Pixabay

Marco Inchingoli
Marco Inchingoli
Nato a Roma nel 1989, Marco Inchingoli ha sempre nutrito una forte passione per la scrittura. Da racconti fantasiosi su quaderni stropicciati ad articoli su riviste cartacee spinge Marco a perseguire un percorso da giornalista. Dai videogiochi - sua grande passione - al cinema, gli argomenti sono molteplici, fino all'arrivo su FocusTech dove ora scrive un po' di tutto.

Related articles

Malattia X: in arrivo la prossima pandemia, la conferma dell’OMS

Nell'era in cui la pandemia da Covid-19 ha scosso il mondo, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha lanciato...

Emergenza Globale: Il Virus della Peste Suina Africana Minaccia Ecosistemi e Comunità

Il mondo affronta un'urgente emergenza causata dal dilagare del virus della peste suina africana (ASFV), una minaccia che...

Recensione Helldivers 2: uno shooter quasi perfetto

Helldivers 2 è un titolo che diverte sin dalle prime battute e lancia un grande insegnamento alla stragrande maggioranza degli sviluppatori...

Bullismo Infantile Collegato a Sfiducia e Problemi di Salute Mentale nell’Adolescenza

Un nuovo studio, condotto in collaborazione dall'UCLA Health e dall'Università di Glasgow, ha scoperto che i giovani adolescenti...