Esiste davvero il mostro del Lago Ness? Ecco i risultati della ricerca

Date:

Share post:

Non c’è angolo nel mondo dove non si sia sentito parlare di Nessie, il mostro del Lago Ness. Questa creatura del folclore scozzese divenne popolare nel 1934, dopo la pubblicazione di un’immagine in cui sembrava galleggiare sull’acqua. Anche se in seguito si è scoperto che la famosa “Foto del chirurgo” era un fake, è possibile che questo mostro sia reale.

La più recente ricerca di Nessie in cinque decenni è iniziata sabato nelle Highlands scozzesi, mentre ricercatori e appassionati di tutto il mondo sfidavano le piogge torrenziali di agosto. L’operazione ha impiegato droni con scanner termici, imbarcazioni con telecamere a infrarossi e un idrofono subacqueo per cercare di svelare un mistero che ha affascinato il mondo per generazioni. E come risultato, sono stati ottenuti una decina di “possibili avvistamenti“.

Per il team di ricerca volontaria Loch Ness Exploration, che ha organizzato questa ricerca soprannominata “The Quest“, questi risultati suggeriscono la presenza di qualcosa sul fondo del Lago Ness. Tuttavia, analizzare i dati e separare i fatti dalle illusioni richiederà tempo.

 

Testimonianze e le possibili tracce dell’elusivo mostro

Durante l’operazione, i volontari erano posizionati strategicamente lungo l’ampio lago lungo quasi 53 km. A ciascuno di loro sono stati assegnati 17 luoghi per monitorare qualsiasi segnale di Nessie e sono stati informati che avrebbero utilizzato apparecchiature topografiche mai testate in precedenza nel lago, incluse telecamere termiche. Tutto ciò al fine di coprire qualsiasi possibile avvistamento.
Con sorpresa degli appassionati, il capo della ricerca Alan McKenna ha riferito di un momento inquietante pochi minuti dopo l’inizio della ricerca. “Abbiamo sentito qualcosa. Abbiamo sentito quattro distintivi ‘gloop’“. Tuttavia, un’ispezione effettuata domenica nello stesso luogo non ha rivelato nulla di conclusivo. “Non so cosa sia. Tutto ciò che so è che c’è qualcosa di grande nel Lago Ness. Ho visto scansioni sonar di oggetti delle dimensioni di furgoni in movimento sotto l’acqua“, ha raccontato Paul Nixon, direttore generale del Centro del Lago Ness.

Man mano che cresceva l’entusiasmo e aumentavano le speranze, diversi volontari hanno iniziato a riferire segnali strani sotto l’acqua.
Due volontari hanno riferito di aver visto qualcosa di inspiegabile alle 6:30 del mattino. Abbiamo ricevuto il video e lo stiamo valutando insieme al resto delle presentazioni di oggi“.

Quest’anno sono stati registrati quattro avvistamenti. Potremmo quindi essere di fronte alla prima conferma che c’è qualcosa nel Lago Ness. Ma si tratta davvero di un mostro?

 

Cosa sappiamo su Nessie?

La storia del mostro del Lago Ness ha preso forma nel corso degli anni, ma tutto ha avuto inizio quando la stampa locale ha dato eco a notizie riguardanti un “enorme pesce o altra creatura” nel 1868. In seguito a questi eventi, vari ricercatori si sono imbarcati sulle barche alla ricerca di qualche indizio. Così siamo arrivati a testimonianze che parlavano di un “animale mitologico” e alla mitica fotografia di R. K. Wilson per la quale è ora famoso.

Tuttavia, l’aspetto presunto di Nessie è solo il frutto di prove manipolate. Non ci sono prove che questa creatura abbia un aspetto simile a quello di un plesiosauro, né risultati che confermino che abiti in un lago profondo d’acqua dolce vicino alla città di Inverness, in Scozia.

La fotografia di una bambina, scelta come la migliore immagine di Nessie fino ad oggi, è stata scattata nel 2018. Charlotte Robinson stava trascorrendo alcuni giorni in zona con i suoi genitori quando qualcosa è emerso dall’acqua, a circa 15 metri dalla riva. La bambina sostiene di essere stata faccia a faccia con il mostro per poco più di un minuto e che non assomigliava a un rettile dal collo lungo e dalle pinne. “È chiaramente presente un oggetto solido all’interno ed è relativamente chiaro. Merita ulteriori studi. Potrebbe esserci una spiegazione banale come una foca, ma quest’anno non ho sentito parlare di nessuna foca nel lago“, spiega Steve Feltham, veterano che ha passato gli ultimi 27 anni osservando la zona.

 

L’ultima speranza per la leggenda

I ricercatori ritengono che gli scanner termici potrebbero essere cruciali per identificare eventuali anomalie strane. Questo principalmente perché, grazie alle nuove tecnologie, gli avvistamenti sono aumentati a oltre 1.100 casi registrati ufficialmente nel Lago Ness.

Nel 1972, l’Ufficio di Ricerca del Lago Ness ha intrapreso la prima ricerca e è tornato a mani vuote. Ma tredici anni dopo, l’Operazione Deepscan ha schierato squadre di sonar in tutta la larghezza del lago e ha affermato di aver trovato un “oggetto non identificato di dimensioni e forza insolite“. E nel 2018, un paio di ricercatori hanno concluso che sebbene non ci fosse DNA di plesiosauro nella zona, hanno notato la presenza di numerose anguille.

Quindi sembra che il mostro continui a non farsi vedere, ma la sua esistenza ora è una possibilità. Sarà necessario analizzare e valutare le numerose prove segnalate dai volontari per scoprire l’identità di questa creatura, quindi potremmo sentirci ancora porre questa domanda per un po’ di tempo: il mostro del Lago Ness esiste o no?

Federica Vitale
Federica Vitalehttps://federicavitale.com
Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

Related articles

Addio alla cistite: il potere antinfiammatorio di un frutto succoso e gustoso

La cistite è un disturbo fastidioso che colpisce molte persone, in particolare le donne. I sintomi come bruciore...

Luce UV: un intervento potenziale per la regolazione del peso corporeo

Recenti studi hanno messo in luce un’interessante interazione tra l’esposizione alla luce ultravioletta (UV) e la regolazione dell’appetito...

Alimentazione: il cibo per rallentare l’invecchiamento del cervello

La salute del cervello è importantissima e spesso quest'ultima viene vista più come un'età. A livello solare possiamo...

WhatsApp: presto sarà possibile scegliere il tema delle chat

WhatsApp continua a sviluppare funzioni volte alla personalizzazione della sua app. Nell'ultima beta per iOS, scovate tracce di...