La prima mappa 3D della materia oscura arriva dalle Hawaii

Date:

Share post:

Galileo Galilei, famoso scienziato italiano, è stato il primo ad usare il cannocchiale per guardare il cielo. Sono nate così le prime forme di esplorazione dell’Universo tramite l’uso dei telescopi prima e dei satelliti dopo. Col processo tecnologico sono stati lanciati dei razzi autonomi in orbita nell’Universo per scoprire come questo sia fatto.

Abbiamo sempre pensato che l’Universo sia organizzato da tante forme di materia: un insieme di atomi di diverso tipo uniti tra loro con specifici legami che vanno a costituire oggetti nuovi e forme specifiche. E’ così che sono composti i pianeti e tutto ciò che possiamo vedere e toccare.

Esiste però un altro tipo di materia, questa è non visibile direttamente. Essa non risponde alle normali leggi elettromagnetiche, non fa passare nè genera luce. Risponde soltanto alle leggi gravitazionali: è la materia oscura. Oscura è un aggettivo particolare che pare debba cambiare presto grazie al nuovo studio giapponese.

 

 

 

Hyper Suprime-Cam survey (Hsc)

E’ il titolo del progetto giapponese sviluppatosi nelle Hawaii dove ha sede uno dei più importanti telescopi al mondo, il Sabaru. Per il progetto è stata usata la tecnica del lens gravitazionale debole, ovvero l’individuazione della deviazione della luce. Quando la luce a un certo punto scompariva nell’Universo significava che in quelle parti è presente della materia oscura.

La luce è stata catturata anche dalle galassie più remote che nonostante la loro lontananza non sono entrate nella considerazione di materia oscura. Da ciò si può quindi affermare quanto gli studi condotti siano precisi e la mappa affidabile. Un altro punto a favore dell’affidabilità è stato il confronto totalmente positivo delle immagini con quelle recuperate dalla missione europea del satellite Plank.

Mappando circa 10 milioni di galassie, i ricercatori hanno constatato che l’Universo è formato da ammassi grandi e irregolari di materia oscura. L’intero Universo inoltre non ha una forma regolare e di densità costante ma sono infatti presenti degli abbozzi di materia oscura abbastanza frequentemente.

Gli studi sono di notevole importanza per ciò che concerne alla nascita dell’Universo, capire a cosa serva l’energia oscura, come si generi e come operi. Online è disponibile l’intero documento della ricerca.

 

Silvia Sanna
Silvia Sanna
Sono una studentessa di ingegneria informatica e avendo studiato alle superiori lingue conosco bene lo spagnolo, l'inglese e discretamente il tedesco. Come vedete dalla mia pagina Instagram mi piace scattare foto ai paesaggi che visito e condividerle con gli altri, soprattutto della mia bella Sardegna. Scrivo articoli di tecnologia e scienza perché mi piace divulgare le conoscenze e informarmi di più sulle notizie che leggo e condividerle con i miei lettori. Nel tempo libero mi piace fare dei piccoli progetti elettronici.

Related articles

Invecchiamento cerebrale: l’esercizio fisico rallenta il declino cognitivo

L'esercizio fisico è spesso associato a benefici per la salute fisica, come il miglioramento della forma cardiovascolare e...

Le Proteine nel Sangue Possono Individuare il Cancro 7 Anni Prima della Diagnosi

La ricerca sul cancro è un campo vitale nella sanità, ma ancora oggi molte diagnosi avvengono in stadi...

Aviaria: allarme anche a New York per i volatili

L'aviaria negli Stati Uniti è un topic scottante a causa soprattutto dell'epidemia che si sta diffondendo tra gli...

iPhone 17: in arrivo un design super sottile

Se gli iPhone 16 in arrivo quest'anno avranno un design molto simile a quello della generazione precedente, lo...