L’origine del 1° gennaio come inizio dell’anno: viaggio nella storia dei calendari

Date:

Share post:

Il 1° gennaio come inizio dell’anno potrebbe sembrare una convenzione universale, ma la scelta della data è il risultato di un intricato intreccio di sviluppi storici e culturali. In un mondo alternativo, potremmo festeggiare l’inizio dell’anno durante il cambio di stagione, forse a marzo, come facevano nell’antica Mesopotamia.

 

 

Le radici antiche

Le prime celebrazioni di Capodanno risalgono al 2000 a.C. nell’antica Mesopotamia, con il festival chiamato “Akitu”. Questo evento iniziava il giorno della prima luna nuova dopo l’equinozio di primavera, solitamente a marzo. La festa aveva significato religioso e politico, segnando l’incoronazione di nuovi re o la riaffermazione di lealtà al sovrano esistente.

Diverse culture hanno legato le celebrazioni del nuovo anno a eventi significativi. Ad esempio, in Cina, l’anno inizia con la seconda luna nuova dopo il solstizio d’inverno, generalmente a gennaio o febbraio. Nell’antico Egitto, il nuovo anno iniziava quando la stella Sirio appariva a metà di luglio, sincronizzato con le piene cicliche del Nilo. Anche il calendario islamico, basato sulla luna, ha il suo inizio in un momento specifico, come il 1 Muharram.

L’antico calendario romano

L’antico calendario romano, inizialmente creato da Romolo, iniziava a marzo per coincidere con l’insediamento dei nuovi consoli. Tuttavia, questo calendario di 304 giorni subì modifiche nel VII secolo a.C. quando Numa Pompilio aggiunse 50 giorni e divise l’anno in 12 mesi. Nonostante l’aggiunta dei mesi di Ianuarius e Februarius, l’anno solare romano aveva una discrepanza che richiedeva correzioni regolari.

Dal calendario giuliano al gregoriano

Julius Caesar, nel 46 a.C., consultò astronomi e matematici, creando il calendario giuliano. Questo nuovo calendario, adottato a Roma nel 45 a.C., segnò ufficialmente l’inizio dell’anno civile il 1° gennaio. Tuttavia, il calendario giuliano sovrastimava la lunghezza dell’anno solare, portando Papa Gregorio XIII nel 1570 a introdurre il calendario gregoriano. Quest’ultimo fissò il 1° gennaio come inizio dell’anno e corresse le discrepanze del calendario giuliano.

 

Un calendario globale

Il calendario gregoriano si diffuse in gran parte del mondo, accettato per la sua precisione. Sebbene alcune regioni, come la Gran Bretagna, abbiano inizialmente resistito, alla fine hanno adottato il nuovo sistema nel 1752. Oggi, il 1° gennaio è ampiamente riconosciuto come l’inizio dell’anno civile internazionale.

In questo modo, quando il mondo accoglie il nuovo anno, si celebrano tradizioni che hanno radici in civiltà antiche e che hanno resistito a secoli di cambiamenti culturali e politici.

Immagine di serhii_bobyk su Freepik

Federica Vitale
Federica Vitalehttps://federicavitale.com
Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

Related articles

Cecità e intestino: il collegamento tramite i batteri

L'importanza per la nostra salute che ha l'intestino sta venendo scoperta sempre di più negli ultimi. Rivesta un...

Protesi visive: un grande passo verso una nuova visione

Negli ultimi decenni, i progressi nella tecnologia delle protesi hanno portato a incredibili innovazioni nel campo della medicina...

Neanderthal Sorprendentemente Tecnologici: La Scoperta degli Antichi Adesivi Rivelati dagli Scienziati

La recente analisi di antichi strumenti risalenti a 40.000 anni fa ha gettato nuova luce sulla straordinaria abilità...

Aritmie Cardiache: l’innovativo impianto cardiaco ultra sottile

Le aritmie cardiache rappresentano una sfida significativa per i pazienti e i medici, richiedendo soluzioni innovative per il...