Storia dei propositi di Capodanno: una pratica radicata da 4.000 anni

Date:

Share post:

Mentre ci apprestiamo a dare il benvenuto al nuovo anno, una pratica comune in molte culture è stabilire i propositi per il futuro. Oltre il 70% della popolazione ha fissato almeno un proposito per il 2024, una tradizione che affonda le radici in antiche civiltà e celebrazioni religiose.

 

I Babilonesi

Storicamente, gli antichi babilonesi circa 4.000 anni fa furono i primi a registrare impegni per il nuovo anno, in quello che oggi chiamiamo risoluzioni. Il loro festival di Capodanno chiamato Akitu, della durata di 12 giorni, comprendeva riti religiosi, celebrazioni e promesse di fedeltà al re e ripagamento dei debiti. La creenza era che mantenere questi propositi avrebbe guadagnato il favore degli Dei per l’anno a venire.

Antica Roma

L’antica Roma, prima di adottare il calendario gregoriano, festeggiava il nuovo anno il 15 marzo e celebrava la dea italiana Anna Perenna. L’introduzione del calendario giuliano da parte di Giulio Cesare dichiarò il 1 gennaio come inizio del nuovo anno, onorando il dio Giano, simbolizzato con due volti che guardano al passato e al futuro. Le celebrazioni romane includevano sacrifici, scambi di doni e impegni di fedeltà.

Medioevo e Cavalieri

Nel Medioevo, i cavalieri medievali giuravano fedeltà e rinnovavano voti alla cavalleria ogni nuovo anno. La leggenda narra di voti celebrati con un pavone, simbolo di maestà e nobiltà. La cavalleria, oltre al valore cavalleresco, serviva a consolidare le divisioni sociali dell’epoca.

Tempi Moderni

Con l’istituzione del calendario gregoriano nel 1582, il 1 gennaio fu ufficialmente ripristinato come inizio del nuovo anno. La pratica di fissare propositi si è mantenuta nel tempo, con influenze religiose e sociali. Nel 1800, le risoluzioni erano già oggetto di satira, ma sono diventate un’attività comune. Oggi, le risoluzioni riflettono valori più laici, ma il loro scopo rimane quello di simboleggiare una nuova opportunità e un nuovo inizio.

In fondo, nonostante il passare di millenni, la tradizione dei propositi di Capodanno persiste, continuando a catturare l’immaginazione e le speranze di miglioramento personale. Un rituale che attraversa culture e secoli, simboleggiando la possibilità di un nuovo inizio all’orizzonte di ogni nuovo anno.

Federica Vitale
Federica Vitalehttps://federicavitale.com
Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

Related articles

Sony PlayStation licenzia 900 dipendenti: ecco perché

In queste ultime giornate del mese di Febbraio 2024, arriva una bruttissima notizia dall'Oriente, infatti Sony PlayStation sarebbe in procinto di...

Apple: nuovi MacBook Air potrebbero arrivare a marzo

Il mese di marzo sarà ricco di novità per i fan della mela morsicata. Apple terrà un evento...

Perdere peso in modo salutare: l’Importanza di eliminare le bevande zuccherate

Per molti, la perdita di peso rappresenta una sfida continua, e spesso si cercano soluzioni complesse dimenticando l'impatto...

Jumbos, Giove, Stelle, Pianeti: Nuove Scoperte dal Telescopio Spaziale James Webb e Segnali Radio da Orione

Il telescopio spaziale James Webb (JWST) ha rivoluzionato la nostra comprensione dell'universo. Le sue immagini ad alta risoluzione...