MiGUT: Il Nuovo Sensore Ingestibile Rivoluziona il Monitoraggio della Salute Intestinale

Date:

Share post:

Il futuro del monitoraggio della salute intestinale è qui con l’introduzione del MiGUT, il sensore che può essere inghiottito sviluppato dal Massachusetts Institute of Technology (MIT). Questo dispositivo innovativo, comparabile a un elettrocardiogramma per il cuore ma per il tratto gastrointestinale, promette di rivoluzionare il modo in cui comprendiamo e trattiamo le malattie gastrointestinali.

Il MiGUT è costituito da un nastro di 25 centimetri con elettrodi d’oro alloggiato all’interno di una capsula di resina stampata in 3D. Una volta ingerito come una pillola, il sensore si apre nello stomaco, misurando l’attività elettrica delle cellule che controllano la digestione.

Questo innovativo sensore è stato testato con successo su suini, dimostrando di poter monitorare l’attività intestinale durante diversi stati fisiologici senza causare ostruzioni nel sistema gastrointestinale.

Oltre alla diagnosi, il MiGUT offre anche potenziali terapie rivoluzionarie. Aggiungendo elettrodi al sensore, i ricercatori sperano di sviluppare trattamenti di stimolazione elettrica direttamente nello stomaco, aprendo nuove vie per la cura delle malattie gastrointestinali.

Questo sensore ingegnoso potrebbe anche avere applicazioni future nella ricerca sulle malattie neurodegenerative, come il morbo di Parkinson, poiché la funzione intestinale è strettamente legata al sistema nervoso centrale.

Il MiGUT rappresenta un passo avanti significativo nel campo del monitoraggio e del trattamento delle malattie gastrointestinali, offrendo una soluzione non invasiva e altamente efficace per esplorare e comprendere meglio il complesso mondo dell’intestino umano.

Immagine di freepik

Federica Vitale
Federica Vitalehttps://federicavitale.com
Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

Related articles

Recensione Fujifilm Instax Mini 99: una instant camera dal sapore vintage

Fujifilm Instax Mini 99 è l'ultima instant camera dell'azienda nipponica, rappresentante un chiaro messaggio d'amore alla fotografia del passato,...

Neurogenesi: migliorarla per il trattamento del Parkinson

Il morbo di Parkinson è una malattia neuro degenerativa caratterizzata dalla perdita di neuroni dopaminergici nella substantia nigra,...

La recente tempesta solare è stata così intensa che si è fatta sentire sul fondo del mare

Una potente tempesta solare ha generato aurore spettacolari visibili alle quali in molti hanno avuto la fortuna di...

Alcol: quanto tempo impiega il nostro cervello per riparare i danni?

L'alcol è una sostanza che può avere effetti profondamente negativi sul cervello umano, causando danni che possono variare...