Recensione Philips Evnia 32M2C5500W: monitor da gaming Quad HD a 240Hz

Date:

Share post:

Philips Evnia 32M2C5500W è un monitor da gaming di fascia media, in vendita generalmente a meno di 400 euro, capace comunque di mettere a disposizione del consumatore finale specifiche tecniche di livello elevato, atte ad innalzare notevolmente il suo livello qualitativo ed esperienziale. Vediamolo meglio da vicino con la nostra recensione completa.

 

Design e Estetica

Il design ed il form factor del prodotto sono meno marcati ed aggressivi da quanto ci saremmo aspettati da un dispositivo votato al gaming, presenta una struttura solida ed affidabile, che porta con sé un peso non di poco conto, infatti il monitor, con piedistallo montato, raggiunge 8,35kg (solo il pannello invece sono 6,5kg). Dimensionalmente parlando, ricordando la sua diagonale da 32 pollici, ha chiaramente bisogno del suo spazio, che nello specifico raggiunge al massimo 700 x 601 x 320 millimetri. I materiali utilizzati sono di indubbia qualità, il rivestimento esterno in plastica del piedistallo non deve assolutamente trarvi in inganno, poiché l’anima metallica lo posizionerà saldamente su qualsiasi superficie.

La sua versatilità nasce dalla base compatta Ergo, il piedistallo presenta una parte regolabile in altezza, con una escursione verticale di circa 18 centimetri, perfetta per adeguare lo stesso Philips Evnia 32M2C5500W esattamente all’altezza desiderata, dipendentemente dal livello della seduta dell’utilizzatore. La regolazione può avvenire anche sull’asse verticale, con una rotazione di quasi 90 gradi verso destra/sinistra, o di circa 40 gradi verso l’alto/basso. Scelta sicuramente più che congeniale che amplia al massimo le possibilità di utilizzo dei consumatori che vorranno procedere all’acquisto, riducendo i timori del posizionamento.

La navigazione all’interno dei vari menù è affidata ad un tasto di commutazione posto nella parte posteriore del dispositivo, facile da usare e poco ingombrante, infatti non è stato necessario installare altri pulsanti, sebbene lo spazio a disposizione ci sia. L’unico aspetto che non ha convinto al 100% riguarda la leggerezza della plastica posteriore, perde tutta la robustezza e qualità che tanto abbiamo elogiato nei paragrafi precedenti.

 

Hardware e Specifiche

Philips Evnia 32M2C5500W è un monitor da 31,5 pollici (con trattamento antiriflesso e opacità al 25%), con diagonale da 80 centimetri, un LCD WA con sistema di retroilluminazione W-LED ed un rapporto schermo/corpo sufficientemente elevato, considerando che l’area di visualizzazione effettiva è di 697,344 x 329,256, grazie anche alla curvatura 1000R che offre un eccellente senso di immersione. Proprio quest’ultima caratteristica è stata bilanciata perfettamente da Philips, risultando non troppo marcata, da essere quasi eccessiva, ma allo stesso tempo riuscendo ad immergere completamente l’utente nell’esperienza. Ciò che ha stupito maggiormente è il quantitativo di schermo in verticale a disposizione, sebbene comunque sia stato mantenuto un rapporto d’aspetto in 16:9, l’impatto che viene fornito è veramente importante, e lo spazio a disposizione è tantissimo.

La luminosità massima di 500 cd/m2 (400 nit) è più che sufficiente per l’utilizzo nella maggior parte degli ambienti e occasioni (ricordando che comunque non lo sposterete facilmente). La risoluzione massima è il Quad HD, precisamente 2560 x 1440 Hz, con refresh rate che teoricamente può arrivare a 240Hz (solo con DisplayPort) e 144Hz (con HDMI). Sebbene si tratti di un IPS LCD, e non di un ben più costoso OLED, i colori sono ben bilanciati e tarati di default (sono comunque disponibili varie modalità e preset, oltre a personalizzazioni approfondite), con il supporto al 100% della gamma NTSC, il 122% della sRGB ed il 92% (minimo) della DCI-P3, senza dimenticarsi essere certificato DisplayHDR 400. Tutti questi dati per comprendere l’effettiva qualità della riproduzione del Philips Evnia 32M2C5500W, un monitor con una resa dettagliata, nitida e capace di mostrare ogni singola sfumatura (densità di pixel 93,24 ppi).

L’anima da gaming esce non tanto nella ampiezza dell’angolo di visualizzazione, che raggiunge i 178 gradi sia in orizzontale che in verticale, quanto nel pieno supporto all’AMD FreeSync Premium Pro. Ciò porta ad una esperienza di gioco molto più realistica di tanti altri monitor in commercio, che viene affiancata da una latenza minima, essendo il tempo di risposta di solo 1 millisecondo, può essere facilmente utilizzato con controller wireless (e non), senza temere alcun ritardo nell’input. Esistono varie modalità di gioco preimpostate, come FPS per migliorare i temi scuri nei giochi, Racing, per per incrementare il tempo di risposta, oppure RTS, con la modalità SmartFrame per evidenziare un’area regolandone immagine e dimensioni. In ultimo parliamo di Smart Crosshair, con l’adattamento del colore alla tonalità dello sfondo, per migliorare la precisione della mira.

 

Connessioni

L’attenzione alla sicurezza e la salvaguardia dell’utilizzatore la ritroviamo nelle modalità LowBlue Flicker-Free, utili per ridurre l’affaticamento e la tensione degli occhi, mentre nella parte posteriore si trova una buonissima dotazione di connettività. Sono difatti presenti due porte HDMI 2.0due DisplayPort 1.4, a cui si aggiunge un hub USB composto da 4 porte USB-A downstream (due supportano la ricarica rapida) ed una USB-B upstream. Essendo assente un altoparlante interno, l’audio si affida al jack da 3,5mm. Come avete potuto voi stessi constatare, il setup di questo prodotto è veramente molto vario ed in grado di soddisfare anche una connessione multipla di più device in contemporanea.

 

Philips Evnia 32M2C5500W – conclusioni

In conclusione Philips Evnia 32M2C5500W è un monitor estremamente versatile che vogliamo consigliare non solo agli utenti alla ricerca di un dispositivo da gaming, ma anche per coloro che vogliono avere tra le mani un prodotto che possa tranquillamente fungere i compiti di classico monitor da ufficio. Il tutto è possibile grazie ad un design non troppo aggressivo, affiancato da una connettività molto varia ed estesa, un’area di visualizzazione dello schermo decisamente immersiva, un dettaglio e refresh rate elevati, ed allo stesso tempo una curvatura non troppo pronunciata. Tutti questi aspetti, affiancati da un prezzo non superiore ai 400 euro, permettono a molti utenti di acquistarlo senza particolari pensieri, essendo adatto praticamente per ogni scopo ed utilizzo.

Related articles

Recensione Fujifilm Instax Mini 99: una instant camera dal sapore vintage

Fujifilm Instax Mini 99 è l'ultima instant camera dell'azienda nipponica, rappresentante un chiaro messaggio d'amore alla fotografia del passato,...

Neurogenesi: migliorarla per il trattamento del Parkinson

Il morbo di Parkinson è una malattia neuro degenerativa caratterizzata dalla perdita di neuroni dopaminergici nella substantia nigra,...

La recente tempesta solare è stata così intensa che si è fatta sentire sul fondo del mare

Una potente tempesta solare ha generato aurore spettacolari visibili alle quali in molti hanno avuto la fortuna di...

Alcol: quanto tempo impiega il nostro cervello per riparare i danni?

L'alcol è una sostanza che può avere effetti profondamente negativi sul cervello umano, causando danni che possono variare...