Array

Nel futuro i pannelli solari del vicinato verranno condivisi durante i blackout

Date:

Share post:

Ridistribuire l’energia generata dai pannelli solari e indirizzarla verso coloro che ne hanno bisogno durante un blackout: ecco cosa il futuro potrebbe riservarci. Uno studio condotto dall’Università della California mostra come sia già possibile da oggi adattare la tecnologia di commutazione elettrica per poter ridistribuire l’energia nella griglia elettrica.

Al momento attuale, per ragioni di sicurezza, nel momento in cui si verifica un blackout si viene “tagliati fuori” dalla rete elettrica, per cui l’energia in surplus sviluppata dalle energie rinnovabili, come i pannelli solari, viene utilizzata solo ed esclusivamente nell’abitazione in cui è generata.

Grazie all’elaborazione di nuovi algoritmi di instradamento e con l’ausilio di commutatori ad hoc in grado di dialogare tra di loro, nel prossimo futuro l’energia verrà distribuita a chiunque ne abbia bisogno, in maniera intelligente. Questo significa tener conto ad esempio di dati raccolti come utilizzo medio per ogni casa, condizioni meteorologiche e la possibilità o meno di blackout.

Nel futuro i pannelli solari del vicinato verranno condivisi durante i blackout

Il team che sviluppato questa nuova soluzione è convinto che, per raggiungere performance ottimali, ogni casa dovrebbe essere dotata del proprio sistema, come ad esempio il Tesla PowerWall, che consente di essere energeticamente indipendenti in caso di blackout.

Nonostante l’opzione ottimale sia avere sistemi del genere casa per casa, un modo efficiente di abbattere i costi e distribuire in maniera più intelligente l’energia verrebbe da moduli “di vicinato”, in grado di immagazzinare un quantitativo di energia superiore, consentendo anche, in casi di emergenza, dirottare l’energia elettrica verso strutture critiche come ospedali o uffici pubblici, ritenuti di importanza fondamentale.

Un impulso significativo nello sviluppo di questa ricerca è stato dato dai danni causati dall’uragano Sandy. Abbattendosi con violenza sulla Costa Orientale degli Stati Uniti d’America nel 2012. Oltre a miliardi di dollari di danni e decine di vittima, molte case sono rimaste isolate e senza corrente elettrica per oltre 15 giorni. Lo sviluppo di sistema in grado di reagire a situazioni di emergenza  ed ad altri fenomeni naturali catastrofici è quindi indispensabile, dato che la nostra società si fonda sulla presenza di energia elettrica disponibile e, troppo spesso, anche in misura sovrabbondante.

FONTE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

tre × 5 =

Related articles

Recensione AVM FRITZ!Powerline 1240 AX: powerline compatibile con WiFi 6

AVM FRITZ!Powerline 1240 AX è il set perfetto per tutti coloro che sono alla ricerca di un prodotto che...

Il Problema Matematico di Super Mario: Una Sfida Impossibile

Ricercatori del Massachusetts Institute of Technology (MIT) hanno affrontato una questione intrigante: è possibile determinare se i livelli...

Terapia del suono: un rimedio naturale per migliorare il sonno

Il sonno è una componente fondamentale per la salute e il benessere generale di una persona. Tuttavia, molte...

WhatsApp porta il tastierino numerico nella sua app

WhatsApp continua a migliorare la sua app per dispositivi Android e iOS. Poche ore fa, è stata scovata...