Le piante carnivore sono più vulnerabili di quanto si pensi: queste minacce potrebbero ucciderle

Date:

Share post:

Le drosere sono una delle stranezze più splendide che si trovano in natura. Non sappiamo ancora come queste piante siano diventate carnivore, ma possiamo assicurarvi che sono vulnerabili come altre felci e fiori.

Il cambiamento climatico, la distruzione dell’habitat e il bracconaggio stanno lentamente esaurendo le popolazioni esistenti di piante carnivore: ne rimangono solo circa 730 specie. Questo perché stanno affrontando lo stress climatico del pianeta e anche la loro stessa biologia.

Cosa intendiamo? Per natura, queste creature sono molto più sensibili ai cambiamenti, quindi in qualsiasi momento potrebbero scomparire. Ma prima che ciò accada, è importante capire perché le piante carnivore sono così come sono: forti all’esterno ma vulnerabili all’interno.

 

Come sono le piante carnivore?

Questi “masticatori vegetali” sembrano piante normali, ma non lo sono. Le piante carnivore hanno al loro interno una sostanza viscosa, simile alla nostra mucosa, che le aiuta a catturare e digerire piccole prede. Inoltre, la stragrande maggioranza ha peli o fauci che si chiudono di scatto quando si avvicina un insetto.

Tutte le piante carnivore intrappolano la loro preda in uno stomaco esterno, quindi secernono enzimi simili a quelli che gli animali usano per digerire il cibo. Quindi sono creature sostanzialmente più complesse delle piante ordinarie: hanno succhi gastrici e molte altre sostanze che hanno lo scopo di scomporre la carne, come le proteasi. Pertanto, hanno anche un dispendio energetico molto più elevato e fanno affidamento su colonie di batteri e protozoi per svolgere il loro lavoro al posto loro.

Questo è già un grande svantaggio biologico, poiché queste piante possono vivere solo in luoghi in cui l’azoto e il fosforo scarseggiano. Cioè in ambienti soleggiati e umidi che erano già ossigenati da altre piante, poiché hanno sacrificato la loro capacità di fotosintesi in cambio di uno stomaco.

Allora perché queste piante sono diventate carnivore?

Le piante carnivore non sono diventate più vulnerabili solo per assaggiare un po’ di carne. In realtà, si sono evolute per sfruttare appieno i nutrienti che si trovavano nelle vicinanze e, allo stesso tempo, proteggersi dagli insetti.

Molti ricercatori ritengono che gli enzimi ora utilizzati dalle drosere potrebbero essere stati qualcosa come i peli gommosi che ricoprono i pomodori. Cioè, strutture progettate per proteggere lo stelo dagli insetti. Solo, per qualche ragione, quei peli sono cambiati radicalmente per aumentare le possibilità di sopravvivenza.

Uno studio del 2020 ha confermato che gli enzimi utilizzati dalle drosere per assorbire le loro prede derivano dal DNA che sarebbe espresso nelle radici. Quindi non è così difficile per le piante diventare specie carnivore e, quindi, involontariamente più vulnerabili.

Esistono molti modelli diversi e ogni pianta carnivora ha una preda preferita. Le drosere, ad esempio, si nutrono di insetti, ma altre si nutrono solo di copepodi (piccoli organismi sospesi nell’acqua). Una mania che limita notevolmente anche le loro possibilità di sopravvivenza.

 

Quanto sono vulnerabili oggi?

Tutto quello che sappiamo per certo è che le origini delle piante carnivore risalgono a circa 140 milioni di anni fa. Se questi cambiamenti biologici sono rimasti costanti per così tanto tempo, la predazione potrebbe comunque essere vantaggiosa per la loro sopravvivenza in natura. Ma non è questo il vero problema in questo momento.

Sebbene le piante carnivore possano ottenere cibo in abbondanza, rimangono vulnerabili ai cambiamenti climatici e al bracconaggio. A differenza di altre piante che crescono in grandi aree, le piante carnivore non possono diffondersi facilmente in quanto devono sopravvivere solo in ambienti caldi. Senza contare che questi “mostri botanici” sono molto sensibili all’inquinamento, perché la maggior parte degli inquinanti contiene azoto o fosforo. E come ben sappiamo, queste piante carnivore sono vulnerabili a questo tipo di sostanze.

Quindi, queste piante molto probabilmente non sopravvivranno a una sesta estinzione di massa.

Federica Vitale
Federica Vitalehttps://federicavitale.com
Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

Related articles

Un’esperienza sensoriale unica: ristoranti di lusso nello spazio, tra stelle e gourmet

Immaginate di assaporare un menu raffinato preparato da chef stellati mentre fluttuate in assenza di gravità, ammirando la...

L’enigma dell’Origine del Rio delle Amazzoni: Una Discussione Centenaria

Da secoli gli studiosi si interrogano sull'origine del Rio delle Amazzoni, uno dei fiumi più imponenti e misteriosi...

Stati Uniti vs Apple: causa per monopolio illegale

Un mese di Marzo davvero ricco di novità per il mondo della tecnologia, ed anche di colpi di...

Batteri intestinali: la serotonina nei neonati combatte le allergie

La flora intestinale, comunemente nota come microbiota, ha guadagnato sempre più attenzione negli ultimi anni per il suo...