Ragni su Marte: finalmente una possibile spiegazione per il fenomeno

Date:

Share post:

Un team di ricercatori del Regno Unito, sembrerebbe aver risolto il mistero dei ragni su Marte, le insolite formazioni geologiche sul polo sud di Marte che sembrano dei giganteschi ragni e che hanno affascinato per anni i ricercatori.

Il team di scienziati ha analizzato queste formazioni di un chilometro di diametro con un esperimento eseguito semplicemente con un pezzo di ghiaccio secco, un mucchio di sporcizia e una macchina in grado di ricreare l’atmosfera marziana qui sulla Terra.

 

L’esperimento per ricreare i ragni su Marte

Sin dal 2003 infatti, molti ricercatori hanno ipotizzato che i ragni su Marte avessero qualcosa a che fare con la sublimazione del ghiaccio ricco di carbonio del Pianeta Rosso, ma sino ad ora non era stato trovato il modo di dimostrarlo.

Il team di ricercatori britannici è riuscito nell’intento di creare in laboratorio delle versioni più piccole delle formazioni geologiche a forma di ragni su Marte. Nel loro esperimento il ghiaccio secco è stato pressato contro i sedimenti più caldi. L’esperimento inoltre è stato eseguito in un’atmosfera artificiale simile a quella di Marte, ricreata in laboratorio. Dall’esperimento è emerso che in queste condizioni, il ghiaccio secco sublima e si riversa verso l’esterno, scolpendo le linee che viste dall’alto, dove MRO le ha fotografate, sembrano dei ragni sul terreno.

 

Come il ghiaccio crea queste formazioni

Il “terreno araneiforme”, è infatti formato da cumuli radianti simili a ragni che si formano quando il ghiaccio di anidride carbonica sotto la superficie si riscalda. Questo è un processo stagionale attivo mai osservato sulla Terra. Come il ghiaccio secco sulla Terra, il ghiaccio di anidride carbonica su Marte sublima quando si riscalda (cambia da solido a gas) e il gas rimane intrappolato sotto la superficie.

Nel tempo, il gas di anidride carbonica intrappolato si accumula sotto pressione e alla fine è abbastanza forte da rompere il ghiaccio in un getto che erutta polvere. Il gas viene rilasciato nell’atmosfera e la polvere più scura può essere depositata attorno allo sfiato o trasportata dai venti per produrre striature. La perdita dell’anidride carbonica sublimata lascia dietro di sé queste caratteristiche simili a un ragno incise sulla superficie.

 

L’importanza di questi esperimenti per il futuro

Con questo esperimento, oltre a confermare ciò che ha dato origine ai ragni su Marte, il team è riuscito a ricreare delle condizioni sperimentali simili a quelle presenti su Marte. Questo significa che che i ricercatori ora hanno un potente strumento per studiare i fenomeni marziani senza la necessità di viaggiare fino al Pianeta Rosso.

Ph. Credit: NASA / JPL-Caltech / Univ. Dell’Arizona

Valeria Magliani
Valeria Magliani
Instancabile giramondo, appassionata di viaggi, di scoperte e di scienza, ho iniziato l'attività di web-writer perché desideravo essere parte di quel meccanismo che diffonde curiosità e conoscenza. Dobbiamo conoscere, sapere, scoprire e viaggiare, il più possibile. Avremo così una vita migliore, in un mondo migliore.

Related articles

Cecità e intestino: il collegamento tramite i batteri

L'importanza per la nostra salute che ha l'intestino sta venendo scoperta sempre di più negli ultimi. Rivesta un...

Protesi visive: un grande passo verso una nuova visione

Negli ultimi decenni, i progressi nella tecnologia delle protesi hanno portato a incredibili innovazioni nel campo della medicina...

Neanderthal Sorprendentemente Tecnologici: La Scoperta degli Antichi Adesivi Rivelati dagli Scienziati

La recente analisi di antichi strumenti risalenti a 40.000 anni fa ha gettato nuova luce sulla straordinaria abilità...

Aritmie Cardiache: l’innovativo impianto cardiaco ultra sottile

Le aritmie cardiache rappresentano una sfida significativa per i pazienti e i medici, richiedendo soluzioni innovative per il...