Scoperta Rivoluzionaria: Trasformare il Sangue di Donatori di Tipo A o B in Tipo 0

Date:

Share post:

Una scoperta senza precedenti sta per cambiare il panorama delle trasfusioni di sangue: un team di ricercatori danesi e svedesi ha individuato un batterio intestinale capace di trasformare i gruppi sanguigni, aprendo la strada a una soluzione per la carenza di sangue di tipo 0, universalmente accettato dai riceventi.

Il nuovo metodo, presentato in un articolo pubblicato su Nature Microbiology, si basa su un’idea concepita quarant’anni fa, ma solo ora messa in pratica con successo. Utilizzando una miscela di enzimi prodotti da batteri intestinali, i ricercatori sono stati in grado di trasformare straordinariamente i globuli rossi nel tipo universale 0, con un’efficienza mai vista prima.

I globuli rossi sono rivestiti da una peluria di strutture zuccherine uniche che determinano il gruppo sanguigno di una persona. Queste strutture variano da individuo a individuo e possono essere di tipo A, B o entrambe, mentre alcuni individui, designati come gruppo 0, non ne possiedono affatto.

I sistemi immunitari reagiscono in modo diverso ai diversi tipi di globuli rossi, rendendo il sangue di tipo 0 universalmente accettato dalla maggior parte dei riceventi. Tuttavia, le riserve di sangue di tipo 0 sono spesso esaurite, specialmente in situazioni di emergenza in cui è necessario agire rapidamente senza conoscere il gruppo sanguigno del paziente.

Finora, i tentativi di convertire i globuli rossi in tipo universale 0 si erano rivelati inefficaci e poco sicuri. Ma ora, grazie alla scoperta di enzimi estremamente efficienti estratti dal batterio intestinale Akkermansia muciniphila, i ricercatori hanno finalmente trovato una soluzione promettente.

Questi enzimi sono in grado di rimuovere non solo gli antigeni A e B, ma anche le loro estensioni, rendendo i globuli rossi trattati molto meno suscettibili alle reazioni immunitarie.

Anche se sono necessarie ulteriori ricerche per perfezionare il processo e garantire la sicurezza nelle applicazioni cliniche, questa scoperta potrebbe rappresentare l’anello mancante nella produzione di sangue universale per le trasfusioni e persino di organi per i trapianti.

Il lavoro dei ricercatori potrebbe non solo risolvere la carenza di sangue di tipo O, ma anche rendere più sicure e efficienti le trasfusioni di sangue, aprendo nuove possibilità per il trattamento di pazienti in situazioni di emergenza e migliorando la qualità della vita di molte persone.

Immagine di freepik

Federica Vitale
Federica Vitalehttps://federicavitale.com
Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

Related articles

Recensione Fujifilm Instax Mini 99: una instant camera dal sapore vintage

Fujifilm Instax Mini 99 è l'ultima instant camera dell'azienda nipponica, rappresentante un chiaro messaggio d'amore alla fotografia del passato,...

Neurogenesi: migliorarla per il trattamento del Parkinson

Il morbo di Parkinson è una malattia neuro degenerativa caratterizzata dalla perdita di neuroni dopaminergici nella substantia nigra,...

La recente tempesta solare è stata così intensa che si è fatta sentire sul fondo del mare

Una potente tempesta solare ha generato aurore spettacolari visibili alle quali in molti hanno avuto la fortuna di...

Alcol: quanto tempo impiega il nostro cervello per riparare i danni?

L'alcol è una sostanza che può avere effetti profondamente negativi sul cervello umano, causando danni che possono variare...