Soneva Fushi, il primo resort ‘Mosquito Free’ alle Maldive: un paradiso senza zanzare

Date:

Share post:

Alle Maldive, nel cuore dell’Atollo Baa, c’è un angolo di paradiso chiamato “Soneva Fushi”. Un resort situato su un’isola privata all’interno di una riserva biosfera protetta dall’UNESCO. Il Soneva Fushi è già di per sé un sogno ad occhi aperti, con ville sparse lungo l’atollo, immerse nella vegetazione, dotate di accesso diretto alla spiaggia, giardino privato, piscine e docce all’aperto, il tutto progettato per ridurre al minimo l’impatto ambientale.

Tuttavia, la perfezione è stata elevata a un nuovo livello, poiché il Soneva Fushi è diventato il primo resort turistico al mondo a vantare il titolo di “mosquito free” – nessuna zanzara per disturbare la pace paradisiaca dei suoi ospiti.

In passato, le zanzare erano un fastidioso problema, soprattutto al calare delle luci serali, quando cercavano il sangue degli europei in vacanza, portando con sé il rischio di malattie come malaria, dengue e zika. Le lamentele dei turisti rischiavano di offuscare l’esperienza in un luogo benedetto dagli dei.

Mentre la direzione del resort si confrontava con il dilemma delle zanzare, dietro le quinte, l’organizzazione lavorava silenziosamente per risolvere il problema. La soluzione è arrivata grazie alla collaborazione con la società tedesca “Biogents”, specializzata in trappole per zanzare rispettose dell’ambiente.

Biogents ha sviluppato due trappole innovative: il “BG-Gat”, progettato per catturare le zanzare tigre in cerca di luoghi per deporre le uova, e il “BG-Mosquitaire CO2”, che attira e elimina le zanzare simulando l’odore del sudore umano. Queste trappole hanno dimostrato di essere estremamente efficaci, risolvendo il problema delle zanzare in modo sostenibile.

Con 400 dispositivi disseminati lungo l’atollo e una task force dedicata alla ricerca di luoghi umidi dove le zanzare depongono le uova, il risultato è stato straordinario: nel primo anno, il 98% delle zanzare è scomparso.

Inoltre, grazie all’eliminazione dei composti chimici utilizzati in passato, il resort ha assistito a un ritorno di insetti non molesti, farfalle, uccelli, fiori e piante rigogliosi, creando un equilibrio naturale senza precedenti. Il Soneva Fushi non è solo un paradiso senza zanzare, ma anche un esempio di come la tecnologia e la collaborazione possano preservare l’ambiente e migliorare l’esperienza turistica.

Foto di Rayyu Maldives su Unsplash

Federica Vitale
Federica Vitalehttps://federicavitale.com
Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

Related articles

Il grande trucco comportamentale che ti aiuterà a vivere al meglio la tua vita

Tutti noi desideriamo vivere una vita ricca di significato, soddisfazione e successo. Ma spesso, nella frenesia quotidiana, perdiamo...

Enotria The Last Song cambia i piani: rinviato a causa di Elden Ring

Enotria The Last Song è a mani basse uno dei soulslike più attesi e desiderati degli ultimi mesi, sia...

Piante che “Parlano”: La Straordinaria Comunicazione tra Piante Svelata dagli Scienziati

Alice nel paese delle meraviglie non era così lontana dalla realtà con i suoi fiori canterini. Gli scienziati...

Eclissi solari: perché le nuvole spariscono

Le eclissi solari sono fenomeni a cui l'uomo è particolarmente legato. Di fatto è un concetto semplice che...