Scoperta connessione tra batteri intestinali e livelli di vitamina D

Date:

Share post:

I nostri microbiomi intestinali, i molti batteri, virus e altri microbi che vivono nel nostro tratto digerente, svolgono un ruolo importante nella nostra salute e nel rischio di malattie in modi che stanno solo iniziando a essere riconosciuti. I ricercatori hanno scoperto che la composizione del microbioma intestinale di una persona è collegata ai loro livelli di vitamina D attiva rilevando una nuova comprensione della vitamina D e di come viene tipicamente misurata.

Lo studio ha dimostrato negli uomini anziani che la composizione del microbioma intestinale di una persona è legata ai loro livelli di vitamina D attiva, un ormone importante per la salute e l’immunità delle ossa. La vitamina D può assumere diverse forme, ma gli esami del sangue standard ne rilevano. Per utilizzare la vitamina D, il corpo deve metabolizzare il precursore in una forma attiva.

 

Legame tra batteri intestinali e livelli di vitamina D

Si ritiene che una maggiore diversità del microbioma intestinale sia associata a una salute migliore in generale. Diversi studi hanno suggerito che le persone con bassi livelli di vitamina D sono a maggior rischio di cancro, malattie cardiache, peggiori infezioni da Covid-19 e altre malattie. L’assunzione di integratori di vitamina D non ha alcun effetto sui risultati di salute, comprese le malattie cardiache, il cancro o persino la salute delle ossa.

Lo studio suggerisce che potrebbe essere dovuto al fatto che questi studi hanno misurato solo la forma precursore della vitamina D, piuttosto che l’ormone attivo. Le misure di formazione e degradazione della vitamina D possono essere indicatori migliori dei problemi di salute sottostanti e di chi potrebbe rispondere meglio alla supplementazione di vitamina D.

I ricercatori hanno utilizzato una tecnica chiamata sequenziamento dell’rRNA 16s per identificare e quantificare i tipi di batteri in ciascun campione sulla base di identificatori genetici univoci. Hanno usato un metodo noto come LC-MSMS per quantificare i metaboliti della vitamina D nel siero del sangue di ciascun partecipante. Oltre a scoprire un legame tra la vitamina D attiva e la diversità complessiva del microbioma, i ricercatori hanno anche notato che 12 tipi particolari di batteri sono comparsi più spesso nei microbiomi intestinali degli uomini con molta vitamina D attiva.

Secondo il team, sono necessari ulteriori studi per comprendere meglio il ruolo svolto dai batteri nel metabolismo della vitamina D e per determinare se intervenire a livello del microbioma potrebbe essere utilizzato per aumentare i trattamenti attuali per migliorare le ossa e possibilmente altri risultati di salute.

Foto di Arek Socha da Pixabay

Annalisa Tellini
Annalisa Tellini
Musicista affermata e appassionata di scrittura Annalisa nasce a Colleferro. Tuttofare non si tira indietro dalle sfide e si cimenta in qualsiasi cosa. Corista, wedding planner, scrittrice e disegnatrice sono solo alcune delle attività. Dopo un inizio su una rivista online di gossip Annalisa diventa anche giornalista e intraprende la carriera affidandosi alla testata FocusTech per cui attualmente scrive

Related articles

I polpi: come gli alberi, ma con gli anelli di crescita che contano i giorni, non gli anni

Proprio come per gli alberi, l'età di un polpo non si può determinare chiedendoglielo. Ma a differenza degli...

Scoperta della Scarica Magnetica che Modella la Formazione Stellare

Nel cuore della galassia, giovani stelle nascono da nubi di gas e polvere, generando dischi protostellari che circondano...

Apple iPhone 15 vs iPhone 16: cosa cambia?

Da molti mesi ormai stiamo parlando di iPhone 16, il nuovo top di gamma dell'azienda di Cupertino dovrebbe rivoluzionare...

Progetto MEGLIO: utilizzare la fibra ottica per monitorare i terremoti in Italia

L'Italia, nota per la sua bellezza e la sua storia ricca, è anche un paese sismicamente attivo. Per...