Digiuno prolungato: cosa accade al corpo quando non si mangia

Date:

Share post:

Il digiuno prolungato, definito come l’astensione volontaria dal cibo per un periodo di tempo esteso, ha suscitato interesse da parte di molti per i suoi presunti benefici sulla salute e sulla perdita di peso. Tuttavia, è fondamentale comprendere cosa accade al corpo durante questo processo e le implicazioni per la salute a lungo termine. Monitorando 12 volontari sani durante un digiuno di soli acqua di sette giorni, lo studio ha identificato cambiamenti significativi in ​​circa 3.000 proteine ​​in tutti gli organi principali, con cambiamenti notevoli che sono diventati evidenti solo dopo tre giorni di digiuno.

Questi risultati sottolineano non solo i potenziali benefici per la salute del digiuno oltre la semplice perdita di peso, ma aprono anche la strada allo sviluppo di interventi terapeutici che imitano questi effetti per le persone incapaci di digiunare. La ricerca offre nuove informazioni sulla notevole adattabilità del corpo alla completa restrizione calorica, evidenziando cambiamenti nei livelli proteici che supportano la salute neurologica e il metabolismo energetico.

 

Digiuno prolungato, cosa può succedere al nostro corpo?

Durante le prime ore del digiuno, il corpo utilizza il glucosio proveniente dai cibi recentemente consumati come fonte primaria di energia. Quando le riserve di glucosio si esauriscono, il corpo passa a utilizzare i depositi di glicogeno presenti nel fegato e nei muscoli per mantenere i livelli di glucosio nel sangue. Questa fase iniziale può causare fame e affaticamento mentre il corpo si adatta alla mancanza di cibo. Dopo circa 24-48 ore senza cibo, il corpo inizia a entrare in uno stato chiamato chetosi, in cui inizia a bruciare i grassi per ottenere energia. Durante questo processo, il fegato produce chetoni, che possono essere utilizzati come combustibile alternativo ai carboidrati. Questo cambiamento metabolico può portare a una diminuzione dell’appetito e ad un aumento della chiarezza mentale.

Durante il digiuno prolungato, il corpo adotta una serie di strategie per conservare le risorse energetiche. La frequenza cardiaca e il metabolismo rallentano per ridurre il consumo di energia, mentre i livelli di ormoni come l’insulina diminuiscono per facilitare il rilascio di energia dalle riserve di grasso. Questi adattamenti aiutano il corpo a sopravvivere durante periodi di carenza di cibo. Mentre il digiuno può avere benefici metabolici, può anche influenzare il sistema immunitario. Studi hanno dimostrato che il digiuno prolungato può ridurre i livelli di alcuni marker infiammatori nel corpo e promuovere la rigenerazione delle cellule del sistema immunitario. Tuttavia, è importante notare che il digiuno estremo può anche indebolire il sistema immunitario e aumentare il rischio di infezioni.

Sebbene il digiuno prolungato possa offrire alcuni benefici metabolici e per la salute, è importante praticarlo con cautela e sotto supervisione medica, specialmente per periodi prolungati. Il digiuno estremo può portare a carenze nutrizionali, perdita di massa muscolare, e problemi di salute mentale come l’anoressia nervosa. È essenziale adottare un approccio equilibrato e moderato al digiuno per massimizzare i suoi potenziali benefici e ridurre i rischi per la salute. Le risposte al digiuno prolungato possono variare notevolmente da persona a persona. Alcuni individui possono trarre beneficio dal digiuno intermittente o prolungato, mentre altri possono sperimentare effetti negativi sulla salute. È importante ascoltare il proprio corpo e consultare un professionista medico prima di impegnarsi in regimi di digiuno estremi.

In conclusione, il digiuno prolungato può influenzare significativamente il funzionamento del corpo umano, portando a cambiamenti metabolici, adattamenti fisiologici e implicazioni per la salute. Sebbene possa offrire alcuni benefici, è essenziale praticarlo in modo responsabile e con consapevolezza dei potenziali rischi. La supervisione medica e un approccio equilibrato sono fondamentali per massimizzare i benefici e ridurre i potenziali danni alla salute durante il digiuno prolungato.

Immagine di pvproductions su Freepik

Marco Inchingoli
Marco Inchingoli
Nato a Roma nel 1989, Marco Inchingoli ha sempre nutrito una forte passione per la scrittura. Da racconti fantasiosi su quaderni stropicciati ad articoli su riviste cartacee spinge Marco a perseguire un percorso da giornalista. Dai videogiochi - sua grande passione - al cinema, gli argomenti sono molteplici, fino all'arrivo su FocusTech dove ora scrive un po' di tutto.

Related articles

Organoidi e modelli embrionali: nuova frontiera nella definizione dell’individualità umana

Negli ultimi anni, la biotecnologia ha fatto passi da gigante, portando alla creazione di strutture biologiche complesse come...

La Pianta Più Famosa di Londra: Il Fiore Cadavere

Se ti trovi a Londra e visiti i Kew Botanic Gardens, non vorrai perderti la straordinaria esperienza di...

Caffeina: un desiderio genetico o una passione acquisita?

La caffeina è una delle sostanze psicoattive più consumate al mondo, presente in caffè, tè, cioccolato e numerose...

Apple lancerà 2 nuovi modelli di AirPods entro fine anno

Sembra che Apple sia finalmente pronta a sfornare nuovi modelli di auricolari wireless. Il 2023 non è stato...