Il primo cervello stampato in 3D funziona come il cervello umano

Date:

Share post:

Il primo cervello stampato in 3D funziona come il cervello umano, rappresentando una svolta scientifica significativa. Un team di ricercatori dell’Università del Wisconsin-Madison ha creato con successo il primo tessuto neuronale stampato in 3D, dimostrando la sua funzionalità e la capacità di sviluppare connessioni simili a quelle del tessuto cerebrale umano.

Questa innovazione offre agli scienziati un nuovo strumento per esplorare la comunicazione tra neuroni, aprendo possibilità entusiasmanti per la comprensione e la cura di malattie neurologiche complesse come l’Alzheimer e il Parkinson. Il neuroscienziato Su-Chuan Zhang, autore principale dello studio pubblicato sulla rivista Cell SteamCell, sottolinea che questo risultato potrebbe rivoluzionare l’approccio alle cellule staminali, alle neuroscienze e alla patogenesi di molte condizioni neurologiche e psichiatriche.

La biostampa 3D emerge come una tecnologia chiave in questo successo, consentendo la costruzione di strati di tessuto cerebrale funzionale. Ciò apre la strada a un’osservazione dettagliata delle interazioni cellulari, superando le limitazioni dei modelli animali utilizzati precedentemente per lo studio del cervello umano.

Mentre la sfida della stampa del tessuto cerebrale funzionale è stata affrontata con successo, il team di ricerca si impegna a migliorare il processo. L’obiettivo è creare tessuti cerebrali più specifici, con la possibilità di orientare le cellule. Questo rappresenta un passo avanti nella comprensione dei meccanismi molecolari alla base dello sviluppo cerebrale, delle disabilità dello sviluppo e dei disturbi neurodegenerativi.

La capacità di stampare la corteccia cerebrale e lo striato in un modello simile al cervello umano è impressionante, consentendo un controllo preciso sui tipi e sulla disposizione delle cellule. Nonostante alcune limitazioni nel controllo della direzione dei neuroni maturi, questo metodo di stampa 3D si configura come un complemento utile agli studi con gli organoidi cerebrali.

Il primo cervello stampato in 3D apre nuove prospettive nelle neuroscienze, promettendo di migliorare la comprensione del cervello umano e di contribuire allo sviluppo di terapie innovative per malattie neurologiche. Il gruppo di ricerca si impegna a continuare a perfezionare questa tecnologia rivoluzionaria.

Immagine di Freepik

Federica Vitale
Federica Vitalehttps://federicavitale.com
Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

Related articles

Olio d’oliva: nuovo effetto benefico contro i tumori

L'olio d'oliva, da secoli un pilastro della dieta mediterranea, continua a rivelarsi una fonte di innumerevoli benefici per...

Le persone psicopatiche condividono un tratto comportamentale

Recenti ricerche nel campo della psicologia comportamentale hanno identificato un nuovo tratto comune tra le persone con tratti...

WhatsApp: ora gli aggiornamenti di stato consentono vocali fino a 1 minuto

WhatsApp ha appena rilasciato una nuova versione dell'app per dispositivi Android e iOS. Una delle novità portate in...

Recensione Ninja Dual Zone MAX da 7,6 litri: friggitrice ad aria capiente e funzionale

Il mercato delle friggitrici ad aria è assolutamente florido e ricco di prodotti di assoluta qualità sempre pronti a mettere...