Piante che “Parlano”: La Straordinaria Comunicazione tra Piante Svelata dagli Scienziati

Date:

Share post:

Alice nel paese delle meraviglie non era così lontana dalla realtà con i suoi fiori canterini. Gli scienziati dell’Università di Saitama in Giappone hanno recentemente registrato una straordinaria scoperta nel regno vegetale: una pianta che “parla” con le sue vicine. Lo studio, condotto da Yuri Aratani e Takuya Uemura, biologi molecolari, ha rivoluzionato la nostra comprensione di come le piante comunicano.

Contrariamente all’idea romantica di piante parlanti, il fenomeno si basa sulla capacità delle piante di emettere composti chimici per comunicare e difendersi. Molti di questi composti fungono da allarme contro erbivori, avvertendo anche le piante circostanti. La novità di questo studio è stata l’introduzione di tecniche di imaging in tempo reale, svelando il processo di ricezione e risposta di queste piante agli allarmi chimici.

Utilizzando una Arabidopsis thaliana, un’erbaccia comune, i ricercatori hanno installato una pompa per trasferire i composti emessi da piante danneggiate o infestate da insetti verso piante non danneggiate nelle vicinanze. Attraverso un microscopio a fluorescenza, hanno osservato attentamente la reazione.

Sorprendentemente, le piante “riceventi” hanno risposto con un flusso di calcio lungo le foglie distese, dimostrando una forma di comunicazione tra di loro. Gli stomi delle piante agiscono come “narici”, rilevando gli avvisi delle piante vicine di possibili minacce.

Questa scoperta rivoluzionaria apre nuovi orizzonti nella comprensione del mondo vegetale, rafforzando il concetto di una comunicazione sofisticata tra le piante. La ricerca potrebbe avere implicazioni significative nella nostra comprensione della flora e del suo ruolo nei delicati equilibri dell’ecosistema.

Immagine di aopsan su Freepik

Federica Vitale
Federica Vitalehttps://federicavitale.com
Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

Related articles

Addio alla cistite: il potere antinfiammatorio di un frutto succoso e gustoso

La cistite è un disturbo fastidioso che colpisce molte persone, in particolare le donne. I sintomi come bruciore...

Luce UV: un intervento potenziale per la regolazione del peso corporeo

Recenti studi hanno messo in luce un’interessante interazione tra l’esposizione alla luce ultravioletta (UV) e la regolazione dell’appetito...

Alimentazione: il cibo per rallentare l’invecchiamento del cervello

La salute del cervello è importantissima e spesso quest'ultima viene vista più come un'età. A livello solare possiamo...

WhatsApp: presto sarà possibile scegliere il tema delle chat

WhatsApp continua a sviluppare funzioni volte alla personalizzazione della sua app. Nell'ultima beta per iOS, scovate tracce di...