Robot: Boston Dynamics dimostra che la robotica non è il nostro futuro

Date:

Share post:

Il “luminare” della tecnologia Elon Musk ha paura dell’intelligenza artificiale. E, in particolar modo, si sofferma sulle visioni da “Apocalisse del robot” quando le macchine decideranno di non aver più bisogno degli esseri umani. Ma, giudicando dai progressi compiuti probabilmente dai più avanzati robot umanoidi, se un Terminator si presenterà nel nostro futuro, potrebbe non essere nemmeno in grado di impilare gli scaffali senza cadere.

Il pronostico non troppo accattivante in merito alle capacità della robotica prende spunto da un video che dimostra i progressi compiuti dal Boston Dynamics, ex proprietà di Google, con una serie di robot tra cui l’automa umanoide Atlas. Il quale, seppur impressionante per molti aspetti, è ben lungi dall’essere una macchina per uccidere o un robot altamente capace. O, addirittura, un “ladro di lavoro”. Forse, quest’ultima, la più grande paura dell’uomo.

Robot dinamico Boston Dynamics in incidente

Se la robotica ha certamente ancora una lunga strada da percorrere, ora è in grado di stare in piedi o addirittura lanciarsi in un video che può essere descritto solo come roba di incubi, materia di timore per molti. E la Boston Dynamics ha dimostrato che, in futuro, i robot come li intendiamo noi attualmente sono  molto, molto lontano dalla realtà.

Così, per ora, il Boston Dynamics potrebbe non aver raggiunto l’obiettivo di un robot dedito alla casa, ma almeno ha fornito al mondo il divertimento di vedere un robot che prova così duramente di fare il suo, ma alla fine non riesce nel suo intento. Ma, forse, non è il caso di ridere troppo:una macchina non dimentica mai.

Related articles

Potere terapeutico della musica: esplorando i suoni per alleviare lo stress

La musica ha un potere incredibile di influenzare le nostre emozioni e il nostro stato d'animo. In un...

Il Futuro dell’Oceano Atlantico: Chiusura da Gibilterra e un Nuovo Anello di Fuoco in Vista

L'Oceano Atlantico, pur sembrando eterno nella nostra scala temporale, è soggetto al ciclo di Wilson che lo vede...

I nuovi iPad Pro saranno incredibilmente sottili

Manca oramai pochissimo al lancio della nuova generazione di iPad Pro e su internet stanno trapelando sempre più...

Alzheimer prima dei vent’anni: il caso

La maggior parte dei casi di Alzheimer si presentano oltre una certa età, di solito oltre ai 70...