Dove si trova esattamente la tomba di Alessandro Magno?

Date:

Share post:

All’età di 32 anni, Alessandro Magno aveva conquistato un impero che si estendeva dai Balcani all’odierno Pakistan, rendendolo sovrano di uno dei più grandi imperi del mondo antico. Nonostante il suo successo e la sua fama, oggi è impossibile rendergli rispetto, poiché l’ubicazione della sua tomba rimane un mistero.

Il grande generale macedone morì a Babilonia nel 323 a.C. e il suo impero crollò poco dopo mentre i suoi generali e ufficiali lottavano per il controllo. Uno dei suoi generali, Tolomeo, ottenne il controllo del corpo di Alessandro e lo portò a Menfi, in Egitto , nel 321 a.C., ha scritto Chris Naunton, egittologo e direttore del Robert Anderson Research Charitable Trust nel Regno Unito, nel suo libro “Searching for the Lost Tombs of Egypt”.

I documenti storici suggeriscono che il corpo di Alessandro fosse probabilmente conservato a Menfi (un’antica città situata vicino al Cairo) fino a quando non fu costruita una tomba ad Alessandria e il suo corpo fu trasferito. La data in cui ciò è avvenuto non è nota, ma potrebbero essere stati necessari alcuni decenni.

I documenti storici indicano che alla fine del III secolo a.C. fu costruita ad Alessandria un’altra tomba per Alessandro, nota come “Sema” o “Soma”, e questo sembra essere l’ultimo luogo in cui fu collocata, ha continuato lo scrittore. Ma non si sa nemmeno dove si trovi quest’ultima tomba. “La posizione potrebbe ora essere sott’acqua – [antico storico greco] Strabone indica che si trovava nel ‘quartiere del palazzo’, che ora è certamente sott’acqua. Ma poteva essere più all’interno, le fonti non ci permettono di esserne sicuri”, ha indicato.

Andrew Erskine, professore all’Università di Edimburgo, nel Regno Unito, ha osservato: “Fonti antiche ci dicono che la tomba di Alessandro era accanto a quella di Tolomeo nel complesso del palazzo di Alessandria, ma dove esattamente non è chiaro“.

Naunton crede che ci sia la possibilità che la tomba di Alessandro non venga trovata. “Probabilmente non è sopravvissuta molto: secoli di distruzione umana e naturale, e la presenza della città moderna che ora copre completamente quella vecchia, probabilmente lo hanno assicurato“, ha detto Naunton.

Anche se dovessero essere trovati resti della tomba, potrebbe non essere possibile identificare la tomba come quella di Alessandro Magno, ha aggiunto. I testi storici forniscono poche informazioni sull’aspetto della tomba e potrebbe essere necessaria un’iscrizione sul sito per identificarla, ha aggiunto.

Sebbene la posizione della sua ultima tomba sia sconosciuta, ci sono due luoghi in cui il corpo di Alessandro potrebbe essere stato deposto. Uno si trova in una tomba ad Alessandria orientale conosciuta come la “tomba di alabastro“. Non ci sono iscrizioni, ma è possibile che qui fosse conservata dopo che il corpo fu trasferito per la prima volta ad Alessandria. Sembra risalire al III secolo a.C. e alcuni disegni sono simili ad altre antiche tombe in Macedonia. Inoltre, c’è un sarcofago che fu costruito per Nectanebo II, un faraone che fu costretto a fuggire dall’Egitto intorno al 343 a.C. quando i persiani invasero. C’è un’antica leggenda che dice che il corpo di Alessandro fu in possesso di questo faraone per qualche tempo, forse dopo che fu portato per la prima volta da Babilonia a Menfi. Ora è al British Museum di Londra.

In un articolo pubblicato nel 2020 su Egyptology Kmt, il ricercatore Andrew Chugg ha giustificato il motivo per cui questo sarcofago conteneva temporaneamente il corpo di Alessandro Magno. Esiste un’antica storia secondo cui Nectanebo II andò in Macedonia e mise incinta la madre di Alessandro. Sebbene questa storia sia probabilmente fittizia, mostra una connessione tra Nectanebo II e Alexander, ha scritto.

Inoltre, Chugg ha identificato un blocco con uno scudo stellato (un simbolo associato ad Alessandro), che si trova ora nel museo della pietra di Sant’Apollonia a Venezia, in Italia, che si ritiene facesse parte del sarcofago. “Ho dimostrato che si adatta esattamente al sarcofago di Nectanebo II“, ha detto, osservando che “la possibilità che questo adattamento avvenga per caso è solo dell’1% circa“.

Alcuni studiosi ritengono che verrà trovata la tomba legittima. Chugg ha identificato alcune aree di Alessandria che sono promettenti. Zahi Hawass, un ex ministro delle antichità egiziano, ha detto a WordsSideKick.com che la tomba si trova in un’area ora conosciuta come Cimitero Latino, a El-Shatby, Alessandria, e che la tomba di Alessandro potrebbe essere trovata in futuro.

Federica Vitale
Federica Vitalehttps://federicavitale.com
Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

Related articles

Microplastica trovata in ogni placenta testata

Che ormai la plastica, e più nello specifico le particelle microplastica e nano, si trovano ovunque nel mondo....

Perché chiudere le app in background sul tuo iPhone è un’abitudine da evitare

Sfatiamo un mito: chiudere le app in background non fa bene al tuo iPhone. È un'abitudine comune: chiudiamo le...

Google Chrome Introduce “Help Me Write”: L’AI che Scrive al Posto Nostro con un Semplice Click Destro

Google continua a sorprendere nel campo dell'intelligenza artificiale con l'introduzione della nuova funzionalità "Help Me Write" su Chrome....

Amazon: ecco le migliori offerte della settimana

Nuova settimana, nuove promozioni Amazon da urlo! Il noto e-commerce ha appena messo in sconto centinaia di prodotti...