Recensione Epomaker x Feker Galaxy80 – tastiera classica e compatta con chassis in alluminio

Date:

Share post:

Epomaker x Feker Galaxy80 la potremmo definire come una classica compatta tastiera con chassis in alluminio, perfetto materiale per riuscire a garantire, oltre ad una eleganza sopraffina, anche una maggiore durabilità nel tempo. Vediamola meglio da vicino con la nostra recensione completa.

 

Design e Estetica

La tastiera presenta un design elegante e funzionale, disponibile sul mercato in cinque colorazioni differenti (noi abbiamo la Black), con una base in alluminio assolutamente solida e stabile. E’ proprio la resistenza e la durabilità nel tempo il suo punto di forza, è un prodotto robusto ed affidabile, che sin dal primo momento lascia pensare possa resistere a qualsiasi urto o sollecitazione. Una tale specifica, tuttavia, viene bilanciata da un peso maggiorato rispetto a quanto siamo abituati a vedere, di conseguenza la tastiera peserà 1,6kg circa, con dimensioni di 365,3 x 136,1 x 32,3 millimetri.

A differenza di quanto si potrebbe pensare, non sono presenti i piedini nella parte posteriore per la variazione dell’inclinazione, di conseguenza questa sarà fissata ed irremovibile. La struttura a 5 strati, la rende una delle migliori tra i modelli disponibili sul sito di Epomaker, un forte segnale della grande attenzione posta dal produttore nella sua realizzazione, con l’utilizzo di materiali Premium di alto livello. Sulla superficie non sono posizionati tasti fisici, se non quelli relativi alla scelta della modalità di utilizzo (tra le tre disponibili), o il connettore USB-C da utilizzare solamente per il collegamento alla presa a muro (per l’eventuale ricarica) o al PC.

 

Hardware e Specifiche

Epomaker x Feker Galaxy80 nasce come tastiera TKL in formato 80%, sono difatti 88 i tasti effettivamente presenti, con anti-ghosting NKRO, e hot-swappable. Al solito tale ultima specifica va ad identificare la possibilità di sostituire keycaps e switch manualmente (a patto che siano a 3-5 pin), offrendo così la possibilità all’utente finale di personalizzarla al massimo delle proprie capacità e possibilità. E’ una tastiera con struttura gasket-mounted, che presenta una fascia LED RGB esattamente sotto agli switch, rivolta verso sud (e poco visibile, come sempre in questi casi) sincronizzabile a ritmo di musica (oltre che personalizzabile dall’utente con 19 giochi di luce differenti).

Gli switch sono i Marble White, già visti ed apprezzati su altri modelli di Epomaker, sono sufficientemente silenziosi, hanno una corsa ridotta e permettono all’utente di scrivere in modo fluente anche testi particolarmente lunghi senza affaticare o arrecare particolare fastidio alle persone che li circondano. I keycaps sono in PBT con la classica curvatura verso il centro della tastiera, oltre ad avere profilo MDA. Sono distanti il giusto tra di loro, il materiale è resistente e di buona qualità; come al solito sono inseriti nella tastiera in tre colorazioni differenti, in modo da creare il giusto contrasto sia nella visione che nell’utilizzo quotidiano, senza perdere di vista l’eleganza e la sobrietà. Questi due ultimi aggettivi sono legati anche al font utilizzato, uno dei più classici e canonici tra quelli già visti.

La Epomaker x Feker Galaxy80 è una tastiera che presenta tre diverse modalità di utilizzo: cablata con il collegamento tramite USB-C, via bluetooth e tramite il trasmettitore wireless a 2.4GHz incluso in confezione (da collegare ad una qualsiasi porta USB-A). Una buonissima versatilità che amplia al massimo le possibilità di utilizzo, rendendola compatibile ad esempio anche con gli smartphone di ultima generazione. La batteria è un componente da 4000mAh, capace oggi di garantire una buonissima autonomia, anche di livello superiore in confronto ad altri modelli disponibili da Epomaker; ipotizzando un utilizzo molto standardizzato, sarà possibile utilizzare la tastiera per poco più di una settimana, prima di ricorrere alla presa a muro.

 

Epomaker x Feker Galaxy80 – conclusioni

In conclusione Epomaker x Feker Galaxy80 è una tastiera meccanica che consigliamo a tutti gli utenti che sono alla ricerca di un prodotto relativamente compatto, dotato di buona eleganza, di fluida possibilità di utilizzo a lungo termine, ed oltretutto una resistenza complessivamente superiore al normale, dato lo chassis realizzato in alluminio. Il prezzo di vendita, pari a 95,39 dollari, è generalmente adeguato alle prestazioni offerte, anche in termini di versatilità di utilizzo. L’unico difetto? forse il peso che supera 1,5kg.

 

Related articles

WhatsApp: arriva la sezione dei contatti online di recente

Un'interessante novità è stata scovata in queste ore all'interno dell'ultima beta dell'app WhatsApp per dispositivi Android. Di che...

Cambiamenti climatici: perché l’inflazione può influenzarli?

Negli ultimi decenni, l'inflazione è diventata una delle principali preoccupazioni economiche a livello globale. Allo stesso tempo, i...

Nuove specie di canguri giganti fossili scoperti in Australia e Nuova Guinea

Paleontologi della Flinders University hanno scoperto tre nuove e affascinanti specie di canguro gigante fossile provenienti da Australia...

Recensione Vasco Translator V4: un traduttore simultaneo in 108 lingue

Vasco Translator V4 è un piccolo dispositivo che apre le porte verso un mondo infinito di opportunità, la perfetta soluzione per...