Recensione Jabra Elite 4 Active: auricolari perfetti per lo sport

Date:

Share post:

Jabra Elite 4 Active sono auricolari true wireless in-ear pensati per lo sport, adatti alla perfezione per gli utenti con una vita attiva, grazie ad una ergonomia accurata e molto salda nell’orecchio. Disponibili ad un prezzo di listino di 129 euro, ma spesso in offerta, promettono prestazioni molto interessanti, vediamoli da vicino nella nostra recensione completa.

 

Design e Estetica

Il form factor non si discosta troppo da quanto siamo abituati a vedere in casa Jabra, entrano leggermente nel canale uditivo, presentando un corpo principale abbastanza tozzo ed arrotondato. L’ergonomia è indubbiamente uno dei punti di forza del modello recensito, sono facili da indossare, non danno particolare fastidio, ed una volta posizionate correttamente si agganciano alla perfezione al padiglione, non spostandosi nemmeno di un millimetro, anche durante intense sessioni di allenamento.

Il focus sulla vita attiva lo ritroviamo anche ad esempio nella protezione IP57, ovvero contro acqua e sudore, ma anche nelle dimensioni estremamente compatte: 20,85 x 20,49 x 27,33 millimetri, ed un peso di soli 5 grammi per ciascun auricolare. Realizzati interamente in plastica, presentano finitura opaca (e differenti colorazioni) molto bella da vedere, i materiali sono buoni e abbastanza resistenti.

La custodia di ricarica è anch’essa in plastica, di dimensioni relativamente compatte, in quanto raggiunge 28,4 x 38,9 x 64 millimetri, ed un peso di 37,5 grammi. Il meccanismo di apertura è discreto, abbiamo sentito qualche scricchiolio, i materiali sono sufficientemente resistenti, ma non troppo; la finitura opaca è bella da vedere, sebbene comunque sia difficile da pulire. Sulla superficie è presente solo un connettore USB type-C per la ricarica ed i LED di carica, per il resto non sono presenti pulsanti fisici.

 

Hardware e Specifiche

Jabra Elite 4 Active sono auricolari true wireless in-ear con gommini in silicone (3 misure in confezione) dall’ottima ergonomia, non offrono un senso di pressione (anche se sono valutazioni soggettive), sebbene penetrino all’interno del canale uditivo, con un buon isolamento passivo. A migliorare il distacco con l’ambiente circostante troviamo anche la cancellazione attiva del rumore (o ANC), regolabile via app, dalla buona resa. Il suono non viene ovattato, l’audio è abbastanza allineato con l’originale, non è la migliore ANC al mondo, però ne siamo rimasti piacevolmente soddisfatti. Se interessati, è presente anche la tecnologia HearThrough, con una semplice pressione si può attivare la modalità Trasparenza, catturando tutti i rumori ambientali e trasmettendoli nell’auricolare, per non restare tagliati fuori dal mondo.

Il driver è da 6 millimetri, con ampiezza di banda tra 20 e 20’000Hz, nonché supporto ai codec SBC e Qualcomm aptX. La latenza è minima, non abbiamo notato disallineamento tra l’audio ed il video, essendo perfette anche per la visione di filmati ad esempio su YouTube o Netflix, in streaming. Il volume massimo è sufficiente per l’utilizzo in ogni ambiente, non è eccessivamente elevato, ma combinato con ANC e isolamento passivo, permette di godere della musica anche in aree particolarmente rumorose.

La resa audio è molto buona, allineata con la fascia di prezzo di posizionamento, con dettagli e nitidezza più che sufficienti. I bassi si sentono, anche se non troppo corposi o distintivi, gli alti sono poco distorti, forse leggermente nei picchi sonori. Non sono cuffiette pensate per gli audiofili, sono di gran lunga superiori a tanti altri modelli per lo sport presenti su Amazon o sul mercato.

Le Jabra Elite 4 Active sono perfettamente compatibili con tutti gli smartphone Android e iOS, grazie alla connettività bluetooth fino a 10 metri di distanza. L’autonomia generale è molto buona, con una ricarica completa di 180 minuti (tramite la custodia) si potranno utilizzare per circa 6 ore, considerando almeno 4 cicli disponibili, il totale si estende fino a circa 24 ore complessive. Da non trascurare nemmeno la ricarica rapida, ponendo gli auricolari per 10 minuti nella custodia, si avrà in cambio carica per circa 1 ora di utilizzo.

Il sistema di controllo è legato ad un grande pulsante fisico posto direttamente sulla parte centrale dell’auricolare. Ottima scelta, soprattutto dato che sono pensati per l’attività sportiva, nel corso della quale gli utenti hanno poco tempo o sensibilità al tocco; la corsa è breve, il clic si sente, rendendo facilissimo e rapido l’accesso.

Le chiamate vengono gestite alla perfezione, sono stati installati 4 microfoni sugli auricolari di tipo MEMS, con una ampiezza di banda tra 100 e 8000Hz. La voce non risulta particolarmente metallica, il dettaglio e la nitidezza sono sufficienti, con una buona soppressione del rumore ambientale. L’applicazione mobile è la solita Jabra Sound, dotata di una interfaccia molto chiara, pulita e comprensibile, permette l’equalizzazione del suono per una maggiore personalizzazione (oltre a tanti preset già disponibili), oltre all’integrazione con Spotify, solo su Android, e tutti gli assistenti vocali (tra cui Amazon Alexa, Siri o Google Assistant).

 

Jabra Elite 4 Active: conclusioni

In conclusione Jabra Elite 4 Active sono gli auricolari true wireless da acquistare ad occhi chiusi nel momento in cui siete alla ricerca di un prodotto per lo sport, in grado comunque di fornire una eccellente resa audio complessiva. I suoi punti di forza sono davvero tantissimi, dall’ergonomia, passando per l’ottima autonomia, la qualità audio, la presenza dell’ANC (sebbene non sia la migliore), l’equalizzazione via app ed anche la possibilità di utilizzare un solo auricolare per volta.

Il prezzo è più che adeguato alle prestazioni offerte, di listino si avvicina attorno ai 129 euro, ma molto spesso potete ugualmente acquistare le Jabra Elite 4 Active anche a meno di 80 euro, ed a quel punto non dovete lasciarvele sfuggire.

Related articles

Influenza aviaria: quanto è a rischio l’uomo?

L'influenza aviaria è una di quelle patologia che tornano alla cronaca ciclicamente a seconda dei ceppi e di...

Il mistero del “lago fantasma” Tulare: scompare ancora una volta dopo una breve riapparizione

Il lago Tulare della California, conosciuto anche come Pa'ashi dalla tribù indigena Tachi Yokut, ha una storia intricata...

Threads di Instagram è un successo, ma nasconde un’insidia non da poco

Threads è la nuova funzione di Instagram che rende il noto social network di Meta molto più simile a Twitter, gli...

Scienza: perché rimaniamo affascinati dalle eclissi solari?

Le eclissi solari, quegli eventi celesti che vedono la Luna oscurare parzialmente o completamente il disco solare, continuano...