Recensione Vantrue N4 Pro: la dash cam con 3 sensori fotografici

Date:

Share post:

Vantrue, azienda leader nel settore della produzione di dash cam e di accessori per le nostre automobili, ha immaginato di mettere a disposizione del pubblico un prodotto il più completo possibile, ovvero in grado di soddisfare pienamente le aspettative del pubblico. Da tutto ciò è nata Vantrue N4 Pro, una dash cam con addirittura 3 obiettivi, scopriamola meglio assieme con la nostra recensione completa.

 

Design e Estetica

Di forma cilindrica, il prodotto presenta un design minimale, ma allo stesso tempo decisamente elegante. Dimensionalmente raggiunge soli 14,3 x 17,5 x 9,7 centimetri di spessore, con un peso che si aggira attorno ai 980 grammi. Il prezzo d’acquisto è elevato, ad esempio la si può trovare su Amazon con un listino di 349 euro, tuttavia all’interno della confezione abbiamo una dotazione decisamente fornita.

La Vantrue N4 Pro è suddivisa in due parti: un corpo centrale con due sensori (per l’anteriore e l’abitacolo), su cui trovano posto i comandi per il controllo ed il display a colori, ed un piccolo componente, con sensore fotografico, da installare nella parte posteriore del veicolo. Tutti presentano una copertura in plastica opaca di colorazione nera, davvero molto bella alla vista e al tatto, che difficilmente tende a sporcarsi.

Il sistema di controllo del corpo centrale è legato a quattro pulsanti fisici, con una buona corsa e di facilissimo accesso, il cui funzionamento è spiegato nel dettaglio dal manuale d’istruzioni integrato. Sulla sua superficie troviamo il pulsante di accensione/spegnimento (sul lato), e due connettori: lo slot per la microSD (fino a 512GB), così da memorizzare direttamente gli eventi sulla stessa, ed una porta USB-C, utile più che altro per il collegamento al componente posteriore, a cui si aggiunge un’altra porta USB-C per fornire energia al prodotto.

Il suddetto è decisamente piccolo, sta tranquillamente nel palmo di una mano, sulla sua superficie si trova solamente la porta USB-C per fornire energia. Da notare che entrambe le componenti sono sprovviste di batteria integrata, dovranno essere collegate alla corrente, mediante i lunghi cavi inclusi in confezione, e l’adattatore per la presa accendisigari (anch’esso incluso).

 

Hardware e Specifiche

La caratteristica principale di Vantrue N4 Pro è proprio la presenza di 3 sensori fotografici, utili per godere di una visione d’insieme di ciò che accade attorno a voi, raggiungendo risoluzione 4K nella parte anteriore, fermandosi invece al FullHD nell’abitacolo e posteriormente (come vi abbiamo già accennato). Tutto ciò porta ad una qualità decisamente superiore al normale, con dettagli sempre precisi e ben definiti, colori ben riprodotti, e la possibilità anche di effettuare zoom di vario genere, senza perdite particolari nel dettaglio e nella definizione generale. Gli angoli di visione sono comunque molto ampi, infatti nella parte anteriore si raggiungono i 155 gradi, internamente a 160 gradi, mentre posteriormente addirittura 165 gradi, così da poter godere di una visione praticamente a 360 gradi.

La camera frontale integra il sensore Sony STARVIS 2 IMX678, con risoluzione 4K (3840 x 2160 pixel), ed il pieno supporto all’HDR (High Dynamic Range), per il corretto bilanciamento di esposizione, ma anche di bianco e nero, grazie alla sua capacità di raccogliere alla perfezione i dettagli in condizioni di scarsa luminosità. Il sensore interno, invece, integra 4 LED IR per la corretta visione anche con poca luminosità, ed il pieno supporto all’HDR, per terminare con il sensore posteriore da 2 megapixel, Sony Starvis Night Vision, perfetto per catturare alla perfezione le targhe di chi ci segue, a prescindere dalla luminosità.

Tutto il sistema supporta il controllo vocale, così da raggiungere innumerevoli funzionalità solo ed esclusivamente con l’ausilio della propria voce, senza dover toccare fisicamente la dash cam. Il supporto al WiFi 5GHz permette di settare la Vantrue N4 Pro direttamente dal proprio smartphone, ed allo stesso tempo di accedervi da remoto per vedere in tempo reale le riprese, oppure visionare le registrazioni precedenti, salvate sulla microSD integrata al suo interno (condividendole sui social o con gli amici).

Tra le modalità più interessanti annoveriamo la funzione parcheggio (con Collision Detection), capace di restare all’erta 24 ore su 24, così da attivarsi nel momento in cui dovesse verificarsi qualcosa di sospetto, oppure la Detection Mode, che permette di iniziare la registrazione 10 secondi prima e 30 secondi dopo un qualsiasi evento. L’ingresso nella modalità Parcheggio è completamente automatico, si avvia dopo 5 minuti di assenza di qualsiasi evento; la dash camera continuerà a registrare a 720P 15fps, fino a quando non si verificherà qualcos’altro.

L’installazione è davvero alla portata di tutti, il supporto viene incollato nella parte superiore dell’abitacolo, mentre la dash cam si collegherà allo stesso con un montaggio magnetico, così da rendere il collegamento molto più rapido. Comoda è la possibilità di ruotare tranquillamente il supporto o i sensori, raggiungendo così angolazioni inedite ed esclusive. Incluso il chip GPS, per la registrazione su mappa del percorso, permettendo all’utente di visionare tramite l’app mobile dedicata tutte le registrazioni del viaggio appena completato.

 

Vantrue N4 Pro – conclusioni

Vantrue N4 Pro è la dash cam definitiva, un prodotto davvero completo in ogni sua parte, che riesce a a racchiudere al proprio interno davvero tutto ciò che gli utenti hanno sempre desiderato: qualità, eleganza e semplicità di utilizzo. Le registrazioni sono in altissima definizione, l’installazione è semplice ed immediata, con una estrema facilità di accesso da remoto, grazie ad una applicazione mobile immediata e completa.

L’unico aspetto negativo? sicuramente il prezzo, infatti la richiesta attuale di 349 euro su Amazon bloccherà moltissimi utenti.

Vantrue N4 Pro

8.5

Estetica e Design

9.0/10

Qualità video

9.0/10

Installazione e utilizzo

9.0/10

Funzioni

8.5/10

Prezzo

7.0/10

Pros

  • Facile da installare e da utilizzare
  • 3 sensori fotografici in alta definizione
  • Qualità nel design e nell'estetica
  • Applicazione mobile completa

Cons

  • Prezzo elevato

Related articles

Animali: davvero riescono a sentire l’odore della paura degli esseri umani?

Negli annali della storia umana, la convinzione che gli animali possano percepire l'odore della paura negli esseri umani...

La ‘Mano di Irulegi’: Un Antico Mistero della Lingua Basca Risolto?

Le radici della lingua basca, uno degli enigmi più affascinanti della linguistica europea, potrebbero essere alla luce grazie...

Vaiolo dell’Alaska: colpita la prima vittima, ma quali sono i sintomi?

Nel panorama medico mondiale, un'inquietante minaccia ha riacceso le luci dell'attenzione: il vaiolo dell'Alaska. Con la conferma della...

I serpenti si evolvono a velocità incredibili: un mistero per gli scienziati

I serpenti sono creature affascinanti e misteriose, e uno dei loro segreti più enigmatici è la loro capacità...