Il tiro con l’arco era fondamentale per la sopravvivenza dei primi umani

Date:

Share post:

Il tiro con l’arco è un’arma la cui efficacia è stata sostituita da quella della pistola e del fucile, molti secoli fa. Eppure l’arco e la freccia possono meritarsi un posto fondamentale nella storia della nostra specie, secondo un nuovo studio. Quest’arma è stata fondamentale per la conquista del pianeta da parte dell’Homo Sapiens, aiutando gli uomini moderni ad emergere dalla loro terra africana decine di milioni di anni fa.

I primi arcieri erano in grado di uccidere le loro prede ad una distanza considerevole, dando ai loro piani alimentari un apporto proteico senza mettersi in pericolo. La tecnologia dell’arco e delle frecce è antica, con alcune delle più antiche punte di freccia rintracciate in grotte in Sud Africa e datate a circa 64.000 anni fa. Al di fuori dell’Africa le prime prove di quest’arma risalgono a 48.000 anni fa, trovate in una grotta dello Sri Lanka solo due anni fa.

 

Per i primi umani il tiro con l’arco è stato fondamentale per la sopravvivenza

Tuttavia, secondo i ricercatori, la data dovrebbe essere spostata di qualche anno indietro, a circa 54.000 anni fa dopo che gli scienziati hanno rivelato di aver scoperto prove che gli esseri umani moderni hanno colonizzato la grotta Grotte Mandrin nella Valle del Rodano. I reperti includevano un dente di bambino e una serie di minuscoli strumenti di pietra appuntiti che assomigliano molto a punte di freccia.  Il team doveva ancora confermare se si trattasse di punte di freccia, ma hanno confermato che la tecnologia avrebbe dato agli esseri umani moderni un vantaggio chiave rispetto ai Neanderthal che allora occuparono l’Europa.

Gli esperti sottolineano che quest’arma era una tecnologia in tempi diversi e in parti del mondo diversi, evidenziando l’importanza nello sviluppo della nostra specie. La cosa cruciale nella realizzazione di un arco è che abbiamo davvero bisogno di conoscere i materiali. Dobbiamo scegliere una specie di albero che abbia la giusta flessibilità perché l’interno di un arco deve sopportare una notevole compressione mentre l’esterno deve resistere allo stiramento. Abbiamo anche bisogno di tecnici esperti per realizzare la corda, le punte delle frecce e l’asta della freccia. L’intera tecnologia richiede una notevole esperienza. Ogni strumento scoperto da questo studio erano altamente standardizzati.

I Neanderthal sono stati in grado di costruire ogni strumento di pietra, ma ognuno aveva la sua unicità. Al contrario quelli realizzati dagli uomini moderni risultavano leggeri, compatti e uniformi. L’insediamento di Grotte Mandrin colloca la data della prima apparizione degli esseri umani moderni nell’Europa occidentale circa 12.000 anni prima rispetto alle stime precedenti. Nonostante le loro capacità tecniche, questi coloni non sono sopravvissuti. Dopo un periodo di 40 anni, i segni della presenza dell’uomo moderno sul Rodano scompaiono, per poi 2.000 anni dopo il sito è stato occupato dai Neanderthal. Lo studio è anche possibile che il cambiamento climatico abbia avuto un impatto sul gruppo Grotte Mandrin.

Ci sono solo poche specie di alberi il cui legno è abbastanza flessibile e resistente da poter fare archi. Quindi, se c’è stato un cambiamento nel clima, quegli alberi potrebbero essere diventati più rari o addirittura estinti completamente, e il gruppo potrebbe aver scoperto che non poteva sostituire i loro archi e frecce. La loro dipendenza da loro li avrebbe lasciati esposti e fragili. Si è scoperto che anche siti in Romania e Repubblica Ceca contengono resti della nostra specie da 40.000 a 50.000 anni fa. Tuttavia, le analisi ossee hanno prodotto profili genetici che non hanno corrispondenza tra gli europei moderni.

Foto di TheDigitalWay da Pixabay

Annalisa Tellini
Annalisa Tellini
Musicista affermata e appassionata di scrittura Annalisa nasce a Colleferro. Tuttofare non si tira indietro dalle sfide e si cimenta in qualsiasi cosa. Corista, wedding planner, scrittrice e disegnatrice sono solo alcune delle attività. Dopo un inizio su una rivista online di gossip Annalisa diventa anche giornalista e intraprende la carriera affidandosi alla testata FocusTech per cui attualmente scrive

Related articles

Tagliare i ponti con la famiglia: fenomeno sempre più diffuso

Negli ultimi anni, tagliare i ponti con la propria famiglia è diventato un fenomeno sempre più diffuso. Questo...

WhatsApp: i messaggi fissati nelle chat si evolvono

WhatsApp continua a lavorare a modi alternativi per aumentare le interazioni tra utenti all'interno del suo servizio di...

L’Aumento Senza Precedenti della CO2: Un Allarme per il Clima Globale

L'aumento dell'anidride carbonica (CO2) nell'atmosfera è oggi un fenomeno di grande preoccupazione per scienziati e ambientalisti di tutto...

L’autismo e i microbi intestinali: una connessione profonda

L'autismo è un disturbo neurosviluppale complesso che colpisce la comunicazione sociale, i comportamenti ripetitivi e la capacità di...