Covid-19, la perdita dell’olfatto può dare la gravità della malattia

Date:

Share post:

La perdita dell’olfatto, clinicamente nota come anosmia, è spesso uno dei primi sintomi avvertiti dalle persone infette dal Covid-19 e spesso uno dei soli a presentarsi. Ora un nuovo studio analizza la prevalenza e il recupero della disfunzione olfattiva (OD) nei pazienti Covid-19 in base alla gravità della malattia.

La prevalenza di OD era significativamente più alta nella forma lieve, circa l’85,9% rispetto alle forme da moderata a critica. La durata media della OD auto-riferita era di 21 giorni. Valutazioni olfattive oggettive hanno identificato anosmia nel 54,7% e nel 36,6% delle forme lievi e da moderata a critica.

 

Covid-19, la perdita dell’olfatto può dire la gravità della malattia

A 60 giorni e 6 mesi, il 15,3% e il 4,7% dei pazienti anosmici non hanno recuperato oggettivamente l’olfatto. La maggiore gravità al basale delle valutazioni olfattive oggettive era fortemente predittiva di OD persistente. La mancanza di odore è durata in media circa 22 giorni, ma quasi un quarto dei pazienti affetti ha affermato di non aver recuperato i sensi fino a circa due mesi dopo. Oltre un terzo dei pazienti ha riferito di aver recuperato l’odore entro due settimane dalla sua perdita.

I ricercatori non sono sicuri del motivo per cui le persone con casi più lievi hanno maggiori probabilità di perdere l’odore, ma dicono che potrebbe avere qualcosa a che fare con la loro risposta immunitaria. I pazienti con infezioni lievi da Covid-19 potrebbero essere in grado di combattere meglio il virus a livello locale, il che significa che l’agente patogeno non si diffonde molto oltre il tratto respiratorio superiore. Questo crea un’infiammazione che interferisce con le cellule vicine che aiutano a elaborare gli odori, bloccando la loro capacità di svolgere il proprio lavoro.

Le persone che non hanno il senso dell’olfatto per lunghi periodi di tempo hanno probabilmente subito più lesioni alle loro cellule olfattive, ma la rigenerazione di queste cellule è possibile, potrebbero essere necessari solo diversi mesi. Sebbene sia solo leggermente fastidioso per alcuni, la perdita permanente dell’olfatto può portare a depressione e ansia.

Il Covid-19 non infetta o danneggia direttamente i neuroni sensoriali che rilevano e inviano i sensi dell’olfatto al cervello, ma colpisce piuttosto le cellule di supporto che li circondano. Questa è una buona notizia perché significa che è improbabile che Covid-19 porti alla perdita permanente dell’olfatto.

Foto di MarionF da Pixabay

Annalisa Tellini
Annalisa Tellini
Musicista affermata e appassionata di scrittura Annalisa nasce a Colleferro. Tuttofare non si tira indietro dalle sfide e si cimenta in qualsiasi cosa. Corista, wedding planner, scrittrice e disegnatrice sono solo alcune delle attività. Dopo un inizio su una rivista online di gossip Annalisa diventa anche giornalista e intraprende la carriera affidandosi alla testata FocusTech per cui attualmente scrive

Related articles

Apple iPhone pieghevole: se lo stavate aspettando, dovrete attendere molto tempo

L'iPhone pieghevole è il dispositivo tecnologico più atteso e desiderato, un prodotto che, secondo i rumor trapelati in rete,...

Processo di selezione dei ricordi: un’indagine nella mente umana

Nel vasto universo della memoria umana, si cela un intricato processo di selezione dei ricordi che determina quali...

Famiglia: le dimensioni influenzano lo sviluppo del linguaggio infantile

Il processo di acquisizione del linguaggio nei bambini è influenzato da una vasta gamma di fattori, tra cui...

Sfruttare l’energia dell’evaporazione con un generatore ispirato al Drinking Bird

Nel vasto panorama delle fonti di energia rinnovabile, un'idea innovativa si ispira a un'icona dei giocattoli: il Drinking...