Fauna selvatica: ecco perché le erbacce sono cosi importanti

Date:

Share post:

Le erbacce sono da sempre considerate un ostacolo per i giardinieri, ma secondo alcuni dovremmo iniziare a vederli sotto un’altra luce, in quanto sono indispensabili per la fauna selvatica e per l nostro paesaggio ecologico. Le erbacce più nocive sono state introdotte in un ecosistema da ignoranza, cattiva gestione o incidente. Alcune di queste sono native; sono piante che crescono in modo aggressivo e mostrano effetti negativi se vengono ingerite.

Sono un grosso problema in molte parti del mondo, colpendo notevolmente le aree dell’agricoltura, la gestione delle foreste, le riserve naturali, i parchi e altri spazi aperti. Molte sono arrivate in nuove regioni e paesi attraverso spedizioni contaminate di mangimi e sementi da raccolto o sono state introdotte intenzionalmente come piante ornamentali per uso orticolo.

 

Le erbacce sono fondamentali per la nostra fauna selvatica

Inoltre alcune di queste producono abbondanti quantità di nettare, prezioso per la sopravvivenza di api e è fondamentale per molte specie della fauna selvatica. Ci sono tipi di erbacce nocive che sono dannose o velenose per l’uomo, gli animali domestici al pascolo e la fauna selvatica. I campi aperti e i pascoli con suoli disturbati e la luce solare aperta sono spesso più sensibili. È importante proteggere gli animali da pascolo dalle erbe tossiche nelle loro aree di alimentazione primaria.

Mantenere un controllo di queste erbe nocive è importante per la salute degli habitat, del bestiame, della fauna selvatica e delle piante autoctone e degli esseri umani di tutte le età. Come controllare le erbe infestanti nocive dipende dall’ambiente circostante e dagli habitat, dalle specie di erbe infestanti, dalla disponibilità di attrezzature, manodopera, forniture e risorse finanziarie.

Le leggi spesso richiedono che i finanziamenti per il controllo delle infestanti nocivi da parte delle agenzie governative debbano essere utilizzati per l’eradicazione, la prevenzione dell’invasione o gli ambiti del progetto di ripristino della comunità vegetale e dell’habitat nativo. Insetti e funghi sono stati a lungo utilizzati come controlli biologici di diverse erbacce nocive e più recentemente sono stati utilizzati anche nematodi. Scopriamo insieme quali sono queste erbacce importanti per la fauna.

 

  1. Tarassaco

Uno spettacolo nei giardini, nei parchi e ai bordi delle strade. Il loro picco di fioritura è da marzo e maggio, ma possono essere visti tutto l’anno. Sono una fonte di nettare per gli impollinatori, tra cui api e scarafaggi, e offrono colori primaverili. Come erbaccia, sono efficaci, in grado di colonizzare rapidamente qualsiasi terreno aperto e di rigenerarsi anche da un minuscolo pezzo di radice a fittone. È, tuttavia, uno dei produttori di nettare più quotati di qualsiasi fiore selvatico, e molte delle nostre api di inizio stagione, ad esempio le api minerarie solitarie e le api muratrici, prosperano su questo materiale.

 

2. Edera

I fiori sbocciano da settembre a novembre e le bacche rimangono in primavera. L’edera è in grado di aggrapparsi alla maggior parte delle superfici, compresi i mattoni, e può diventare molto più legnosa man mano che matura. Come tutte le specie infestanti, è molto adattabile. Inizia la vita come un seme e si dirige rapidamente verso la luce, arrampicandosi verso l’alto, secernendo una sostanza simile alla colla.

L’edera è anche un’ottima fonte di nettare di fine stagione. In un luogo soleggiato, i fiori sbocceranno con numerose api, sirfidi e farfalle. C’è persino una specie di ape, l’ape edera, che basa il suo intero ciclo di vita attorno a questa generosità. Inoltre, il fitto groviglio di steli crea riparo per uccelli e mammiferi che nidificano. È anche un’importante pianta alimentare per la falena coda di rondine e la farfalla blu dell’agrifoglio.

 

3. Erba tossica

Si trova spesso in pascoli, siepi e terreni disturbati. I fiori compaiono da giugno e sbocciano fino a novembre. Le foglie vengono divorate dai bruchi della falena cinabro, facilmente identificabili dalle loro strisce arancioni e nere contrastanti, e una vasta gamma di impollinatori si nutrono dei fiori. Se ingerito in quantità sufficienti, può causare danni al fegato e persino la morte. Tuttavia la realtà è che lo stesso si può dire di molte altre piante e funghi comuni. Il sistema di allarme integrato nell’impianto fa un buon lavoro nel tenere a bada gli animali al pascolo.

 

4. Ortica

Amante del terreno umido e ricco di azoto nei terreni coltivati, nei boschi e nei pascoli. I fiori a forma di amento delle ortiche compaiono da maggio ad agosto. I bruchi di molte specie di farfalle e falene si nutrono di ortiche, comprese le farfalle di pavone e le falene tigre del giardino. Questa pianta ha una lunga storia culturale e molteplici benefici dalle fibre al cibo. Oltre 40 tipi di insetti non sono influenzati dalla barricata del dolore offerta ad altre creature. Invece, beneficiano della sua protezione. Le falene, come l’ottone brunito, lo spettacolo e la tigre da giardino, così come alcune delle nostre farfalle più brillanti depongono le uova sulla crescita più fresca.

I semi delle ortiche sono essi stessi una fonte di cibo per molti uccelli a fine stagione, mentre nuvole di afidi che lasciano il posto a branchi succhiatori di linfa vengono a loro volta prese di mira da molti uccelli insettivori e aspirate da sirfidi e coccinelle.

 

5. Rovo

Diffuso e visto in una varietà di habitat, in particolare le siepi. Piccoli fiori simili a rose sbocciano durante i mesi estivi. Molti mammiferi, come i topi di legno, si nutrono di more. Fungono anche da vivaio per gli alberelli, proteggendoli dalle predazioni di erbivori brucanti, come i cervi, e allo stesso tempo tengono al sicuro i nidi di molte specie di uccelli e mammiferi nel loro braccia spinose. I fiori sono apprezzati da una vasta gamma di impollinatori tra cui farfalle, falene e coleotteri.

Foto di Twilight Kenya da Pexels

Annalisa Tellini
Annalisa Tellini
Musicista affermata e appassionata di scrittura Annalisa nasce a Colleferro. Tuttofare non si tira indietro dalle sfide e si cimenta in qualsiasi cosa. Corista, wedding planner, scrittrice e disegnatrice sono solo alcune delle attività. Dopo un inizio su una rivista online di gossip Annalisa diventa anche giornalista e intraprende la carriera affidandosi alla testata FocusTech per cui attualmente scrive

Related articles

VPS Game, i server virtuali per il gaming

Il mondo del gaming ha fatto notevoli passi in avanti negli ultimi anni. Passi da gigante che oggi...

Amazon mette in guardia dalle truffe più recenti

Le truffe che utilizzano il nome di Amazon per ingannare e rubare soldi agli utenti si sono estremamente...

Misteriose “Geobatterie” Sul Fondo del Mare Producono Ossigeno e Potrebbero Spiegare l’Origine della Vita

Sul fondo dell'Oceano Pacifico, sparsi come patate metalliche, ci sono intriganti noduli che potrebbero essere più di semplici...

Nuova Speranza: la promettente terapia nella lotta al cancro al cervello

Negli ultimi anni, la ricerca oncologica ha compiuto passi da gigante, portando alla scoperta di nuove terapie e...