Mistero dei megastrati sottomarini del Mar Tirreno: rinvenute prove ancestrali di colossali eruzioni

Date:

Share post:

Un team di ricercatori ha annunciato una scoperta straordinaria di antiche supereruzioni vulcaniche sottomarine nei pressi del Monte Marsili, un maestoso vulcano sottomarino situato nel bacino occidentale del Mar Tirreno, al largo delle coste italiane. Lo studio, pubblicato sulla rivista Geology, ha unito i dati di un progetto di ricerca spagnolo all’analisi delle carote di sedimenti provenienti dal programma di perforazione oceanica.

La ricerca ha permesso di identificare quattro distinti strati di sedimenti vulcanici, noti come megastrati, nel bacino del Marsili. Contrariamente alle prime ipotesi, si ritiene che questi megastrati provengano da un’area vulcanica a nord della regione, forse collegata alla supereruzione dell’Ignimbrite Campaniana dei Campi Flegrei, avvenuta circa 50.000 anni fa.

Secondo Derek Sawyer, ricercatore della Ohio State University e autore principale dello studio, queste scoperte sono cruciali per comprendere la storia e i potenziali rischi futuri delle attività vulcaniche in questa regione. L’analisi degli strati di sedimenti ha permesso di datare ricorrenti deposizioni, suggerendo un periodo di 10.000-15.000 anni tra gli eventi. Si stima che l’ultimo abbia avuto luogo tra 2.100 e 3.000 anni fa.

L’importanza di queste scoperte è accentuata dalla rilevanza storica della supereruzione dell’Ignimbrite Campaniana, che ha avuto impatti significativi sul clima, sugli ecosistemi e sulla storia umana della Terra. La ricerca fornisce nuovi dati per comprendere la frequenza di tali eventi, contribuendo così alla previsione dell’attività vulcanica futura e ai rischi associati.

Il Monte Marsili, alto 3.500 metri dal fondale marino, rimane sotto osservazione a causa del potenziale rischio di eruzione, che potrebbe causare tsunami e altri disastri ecologici. La ricerca, quindi, non solo getta luce sulla storia vulcanica della regione ma ha anche implicazioni cruciali per la sicurezza e la prevenzione dei potenziali rischi legati all’attività vulcanica nel Mediterraneo.

Foto di Toby Elliott su Unsplash

Federica Vitale
Federica Vitalehttps://federicavitale.com
Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

Related articles

Torna la truffa del premio Lidl: fate attenzione a questa e-mail

Avete ricevuto un'e-mail da parte della catena di supermercati Lidl in cui vi avvisano di essere stati selezionati...

Ivan Balenzio, emessa sentenza che ha sancito diverse decisioni significative

Del caso di Ivan Balenzio, ex Communication Officer presso l'ESRIN, lo stabilimento dell'ESA a Frascati, ne avevamo già...

Computer e disfunzione erettile: i rischio di un uso prolungato

Quando una persona pensa ad un uso prolungato del computer, come aspetti negativi può immaginare una postura scorretta,...

Bitcoin: bolla speculativa o rivoluzione finanziaria?

Le criptovalute sono tornate alla ribalta. Il 5 marzo, il prezzo del Bitcoin ha superato il suo record...