Recensione Epomaker TH80 Pro V2 – tastiera meccanica con schermo RGB

Date:

Share post:

Epomaker TH80 Pro V2 rappresenta la nuova versione di una delle tastiere più amate del brand cinese, una soluzione su cui fare affidamento nel momento in cui si volesse accedere ad un prodotto di qualità, che non richiede un investimento particolarmente elevato. Vediamola da vicino con la nostra recensione completa.

 

Estetica e Design

La versione in nostro possesso prevede colorazione bianca, non un bianco accesso e vivo, ma più un panna, con punti con colori diverse che spaziano su svariate tonalità: il rosso su ESC, il grigio sui tasti CRTL, ALT e simili, un marrone molto chiaro sulla barra spaziatrice e Enter, per finire con un blu molto scuro sulle frecce direzionali. Una buona variabilità che porta quel pizzico di diversità che fa sempre bene ad un prodotto di questo tipo, caratterizzato spesso da una pesante monotonia.

Epomaker TH80 Pro V2 è una tastiera con formato 75% 79 tasti, per questo risulta essere facilmente trasportabile e posizionabile ad esempio in uno zaino o in una borsa, senza andare ad appesantire particolarmente. Il case è realizzato con materiale ABS (plastica), qualità più che sufficiente ed allineata alla perfezione con la fascia di prezzo di posizionamento, è chiaro che non è resistente quanto uno chassis metallico, ma non possiamo assolutamente lamentarci.

 

Hardware e Specifiche

La tastiera può collegarsi in tre modi differenti: tramite il bluetooth 5.0, ma anche USB-C to USB-A (cavo incluso in confezione), per finire con il wireless 2.4GHz, sfruttando il dongle che potete trovare a vostra volta in confezione. La compatibilità è estrema e garantita con tutti i sistemi operativi in commercio, parlando di notebook, la potete tranquillamente utilizzare sia con Windows che iOS.

I keycap sono realizzati in PBT con profilo cherry, materiale molto resistente, che riesce a resistere senza difficoltà a sudore e liquidi, oltre che offre una maggiore durabilità in termini di usura. Nel modello in nostro possesso possiamo trovare gli switch Mulan, con una forza operativa di 47gf, forza complessiva di 60gf, ed una corsa complessiva di circa 3,8 millimetri. Non richiedono troppa pressione al tocco, sono sufficientemente silenziosi, non arrecando alcun fastidio a chi vi circonda, anche se non sono tra i più silenziosi in circolazione. Nulla toglie alla fluidità di scrittura, la tastiera permette senza problemi di scrivere in modo fluido anche per molte ore.

La Epomaker TH80 Pro V2 è hot swappable, quindi può essere facilmente personalizzata dal consumatore, cambiando sia keycap che switch (compatibili 3 o 5 pin), per la massima possibilità di personalizzazione, con NKRO anti-ghost. La retroilluminazione, verso sud, è sufficiente, anche se va detto che è davvero difficile vedere la luce fuoriuscire dai tasti, data la quasi totale assenza di sbocchi di alcun tipo. Il font è classico, con qualche piccola chicca stravagante, come i tasti cerchiati, nonché un ENTER molto più grande di tutti gli altri.

Come molte altre tastiere del marchio, anche il modello recensito presenta in alto a destra un piccolo display LED a colori retroilluminato, sul quale è possibile visualizzare: data e ora, informazioni di stato o altri dettagli di vario genere. Il prodotto viene definito come “VIA programmable“, una particolarità da non sottovalutare per nessun motivo, proprio perché permette, tramite il software dedicato, di riprogrammare tutti i tasti assegnando loro compiti specifici, creando anche layer differenti tra cui variare in relazione all’utilizzo che se ne sta facendo.

La batteria è un componente da 3000mAh, un quantitativo che riteniamo essere più che adatto alla tipologia di prodotto, essendo in grado di garantire una autonomia di circa 1 settimana di utilizzo, considerando 8 ore al giorno per 7 giorni.

 

Epomaker TH80 Pro V2 – conclusioni

In conclusione Epomaker TH80 Pro V2 è una tastiera da acquistare nel momento in cui si fosse alla ricerca di un prodotto molto classico, in termini di funzionalità, che presenti allo stesso tempo un font decisamente carino e con qualche piccolo tocco stravagante. La possibilità di programmarla a piacimento, con anche il display sull’angolo superiore destro, rappresentano senza dubbio il plus che porterà molti utenti a decidere di investire 99,99 dollari necessari per l’acquisto sul sito ufficiale di Epomaker. Cifra più che bilanciata sulla base di tutto quanto vi abbiamo effettivamente raccontato durante la nostra recensione.

Related articles

Recensione Epomaker Tide65: tastiera meccanica moderna ed innovativa

Epomaker Tide65 non vuole essere la solita e classica tastiera meccanica di cui abbiamo più volte fatto una recensione...

OMS: il talco è probabilmente cancerogeno per gli esseri umani

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha recentemente confermato che il talco è “probabilmente cancerogeno” per gli esseri umani....

Covid: Nuovi Contagi a Causa della Variante KP.3

La variante KP.3, altamente contagiosa e simile alla JN.1, sta causando un aumento dei casi di Covid, bloccando...

Connessione tra il disturbo bipolare e le aree cerebrali responsabili degli sbalzi d’umore

Il disturbo bipolare è una malattia mentale caratterizzata da estremi cambiamenti dell'umore, alternando episodi di mania e depressione....