Come si evolvono i sintomi del Covid-19 ogni giorno in base alla gravità

Date:

Share post:

Con milioni di casi in tutto il mondo, il Covid-19 ha dimostrato che non è “solo un’influenza“. Causato dal nuovo coronavirus Sars-CoV-2, la malattia può essere letale per alcuni gruppi a rischio, attaccando significativamente il polmone e lasciando tracce in altre parti del corpo.

Per evitare la progressione dei casi, non solo è importante la prevenzione, ma anche sapere come identificare i primi sintomi per iniziare il trattamento il prima possibile. E’ bene, dunque, sapere quali sono e come si evolvono in ogni tipo di condizione.

 

Incubazione

Una volta nel corpo, il periodo di incubazione del virus, ovvero il tempo necessario per la comparsa dei primi sintomi, è da 2 a 14 giorni. In generale, la maggior parte delle persone inizia a presentarli il quinto giorno.

 

5° giorno: primi sintomi

I principali sintomi dell’infezione sono febbre, tosse, affaticamento o dolore muscolare. Se la persona ha la febbre alta e continua da due a tre giorni, il caso richiede una valutazione medica. La tosse caratteristica è frequente, secca o con poca secrezione. Se peggiora, è meglio consultare un medico.

La fatica e l’astenia, la mancanza di forza fisica, possono essere il risultato dell’azione degli interferoni, proteine ​​associate al sistema di difesa del nostro corpo. Questi sono i segnali per cercare assistenza medica. In particolare, se si appartiene ai gruppi a rischio dell’epidemia.

 

7° giorno: evoluzione

Dal settimo giorno in poi, è possibile valutare come si evolverà ogni paziente. Coloro che manifestano i primi sintomi per un giorno o due e poi migliorano sono considerati casi lievi e rappresentano l’80% di quelli infetti. Coloro che sentono che i segni si intensificano dopo il settimo giorno fanno parte del gruppo di casi moderati. La presenza di mancanza di insufficienza respiratoria in questa fase è un avvertimento.

Nei casi più gravi, il virus può colpire oltre il 50% del polmone, causando casi di grave insufficienza respiratoria, in cui il paziente avrà bisogno dell’assistenza di un’unità di terapia intensiva e ventilazione meccanica. Questa è una condizione di infezione intensa e può causare danni ad altri organi, in particolare i reni e il fegato.

 

Tra 10 giorni o più

Casi lievi, i cui sintomi non si evolvono, possono migliorare in circa sette-dieci giorni. I pazienti più gravi, d’altra parte, possono richiedere più di due settimane per riprendersi.

 

Sintomi secondari

Tra gli altri sintomi che possono comparire durante l’infezione, circa il 30% dei pazienti presenta diarrea. È molto comune isolare il virus nelle feci. È probabile che il virus attacchi anche l’epitelio intestinale. Alcune persone possono anche sperimentare la perdita dell’olfatto e del gusto momentaneo, tornando alla normalità pochi giorni dopo il recupero. Sintomi simil-influenzali come starnuti e naso chiuso non sono comuni.

Il sintomo che ha causato maggiore preoccupazione è la mancanza di respiro, che può essere associata ad ansia o attacchi di stress. Solo un esame fisico può dire se la difficoltà respiratoria è fisica o emotiva. In caso di dubbi, consultare un medico.

Federica Vitale
Federica Vitalehttps://federicavitale.com
Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

Related articles

Caffè: berlo può aiutare a ridurre colesterolo e glicemia

Il caffè è una bevanda amata da milioni di persone in tutto il mondo, grazie al suo aroma...

Sogni: qual è il loro impatto sulle nostre vite?

I sogni hanno affascinato l'umanità fin dall'alba dei tempi, incantando e intrigando con la loro natura enigmatica e...

iPad Air 12,9 avrà lo stesso display dell’attuale Pro 12,9

Trapelano nuove interessanti informazioni in merito ai modelli di iPad in arrivo il prossimo maggio. Stando a quanto...

L’impatto emotivo del rifiuto è equivalente al dolore fisico

Il rifiuto, un'esperienza universale nell'interazione umana, ha dimostrato di avere un impatto emotivo profondo, spesso paragonabile al dolore...