Invecchiamento cerebrale: l’esercizio fisico rallenta il declino cognitivo

Date:

Share post:

L’esercizio fisico è spesso associato a benefici per la salute fisica, come il miglioramento della forma cardiovascolare e il mantenimento di un peso sano. Tuttavia, negli ultimi anni, un crescente corpo di ricerca ha evidenziato che l’attività fisica può avere anche effetti positivi sul cervello, in particolare nel rallentare il declino cognitivo legato all’invecchiamento cerebrale. Il team ha scoperto che l’esercizio ha un impatto significativo sull’espressione genetica nelle microglia, le cellule immunitarie del sistema nervoso centrale che supportano la funzione cerebrale.

L’esercizio aiuta anche a ridurre la presenza di cellule T dannose nell’ippocampo, migliorando la memoria e l’apprendimento. Questi risultati evidenziano l’importanza dell’esercizio fisico per il mantenimento della salute cognitiva durante l’invecchiamento. Innanzitutto, numerosi studi hanno dimostrato che l’esercizio fisico regolare può migliorare la funzione cognitiva negli anziani. Ad esempio, una ricerca ha rilevato che gli individui anziani che svolgevano attività fisica moderata o intensa avevano una probabilità significativamente minore di sviluppare demenza rispetto ai loro coetanei sedentari. Questo suggerisce che l’attività fisica può essere una strategia efficace per mantenere la salute cognitiva durante l’invecchiamento.

 

Esercizio fisico, la chiave per rallentare il declino cognitivo dovuto dall’invecchiamento cerebrale

Ma come funziona esattamente l’esercizio fisico per proteggere il cervello? Uno dei principali meccanismi è attraverso l’aumento del flusso sanguigno cerebrale. Quando ci alleniamo, il cuore pompa più sangue, il che aumenta l’ossigenazione e la fornitura di nutrienti al cervello. Questo non solo promuove la salute dei neuroni, ma stimola anche la produzione di fattori di crescita come il BDNF (fattore neurotrofico derivato dal cervello), che supporta la sopravvivenza e la crescita dei neuroni. Inoltre, l’esercizio fisico può ridurre l’infiammazione nel cervello. L’infiammazione cronica è stata collegata a molte malattie neurodegenerative, tra cui l’Alzheimer e il Parkinson. L’attività fisica aiuta a modulare la risposta infiammatoria del corpo, riducendo i livelli di citochine infiammatorie e promuovendo un ambiente cerebrale più sano.

Un altro beneficio cruciale dell’esercizio è il miglioramento della neuroplasticità, cioè la capacità del cervello di riorganizzarsi formando nuove connessioni neuronali. La neuroplasticità è fondamentale per l’apprendimento e la memoria, e l’attività fisica sembra potenziare questa capacità. Studi condotti su animali e umani hanno dimostrato che l’esercizio fisico può aumentare la densità delle sinapsi e promuovere la formazione di nuove cellule cerebrali nell’ippocampo, una regione del cervello cruciale per la memoria.

Oltre agli effetti biologici diretti, l’esercizio fisico ha anche benefici psicologici che possono contribuire alla salute cerebrale. Ad esempio, l’attività fisica è nota per ridurre lo stress e l’ansia, migliorare l’umore e combattere la depressione. Questi fattori psicologici sono strettamente legati alla funzione cognitiva, poiché lo stress cronico e la depressione sono noti per accelerare il declino cognitivo. Non solo, ma l’esercizio fisico può anche migliorare la qualità del sonno, che è essenziale per la salute cerebrale. Un sonno di buona qualità è fondamentale per i processi di riparazione e rigenerazione cerebrale, nonché per il consolidamento della memoria. Gli studi hanno dimostrato che le persone che praticano regolarmente attività fisica tendono a dormire meglio e a sperimentare meno disturbi del sonno.

Infine, l’esercizio fisico promuove uno stile di vita attivo e sociale, entrambi fattori che hanno un impatto positivo sulla salute cerebrale. Partecipare a sport di gruppo o a lezioni di fitness non solo stimola fisicamente il cervello, ma offre anche opportunità di interazione sociale, che è vitale per mantenere le capacità cognitive e combattere l’isolamento, spesso associato a un maggiore rischio di declino cognitivo. Attraverso una combinazione di benefici biologici, psicologici e sociali, l’attività fisica regolare può contribuire a migliorare la qualità della vita e a preservare la funzione cognitiva negli anziani. Pertanto, è essenziale incorporare l’esercizio fisico come parte integrante di uno stile di vita sano per promuovere la longevità e il benessere cerebrale.

Foto di Fitsum Admasu su Unsplash

Marco Inchingoli
Marco Inchingoli
Nato a Roma nel 1989, Marco Inchingoli ha sempre nutrito una forte passione per la scrittura. Da racconti fantasiosi su quaderni stropicciati ad articoli su riviste cartacee spinge Marco a perseguire un percorso da giornalista. Dai videogiochi - sua grande passione - al cinema, gli argomenti sono molteplici, fino all'arrivo su FocusTech dove ora scrive un po' di tutto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

diciannove − 18 =

Related articles

Amazon: strepitose offerte da non farsi assolutamente sfuggire

Siete alla ricerca di prodotti tecnologici di ultima generazione a prezzi super convenienti? Amazon è decisamente il posto...

Qual è la probabilità di vincere al solitario?

Tra i giochi da tavolo, il solitario è generalmente considerato quello più semplice e intuitivo. Questa tendenza, potrebbe...

Scoperta di un nuovo gene: una potenziale arma contro il cancro metastatico

La lotta contro il cancro ha raggiunto una nuova frontiera con la scoperta di un gene che potrebbe...

Recensione Epomaker TH80 Pro V2 – tastiera meccanica con schermo RGB

Epomaker TH80 Pro V2 rappresenta la nuova versione di una delle tastiere più amate del brand cinese, una...