8 vitamine e minerali per rallentare l’invecchiamento cerebrale

Date:

Share post:

Con l’avanzare dell’età, la salute cerebrale diventa un elemento cruciale per il benessere complessivo. La ricerca recente sottolinea l’importanza di alcune vitamine e minerali nel preservare la funzione cerebrale e contrastare il declino cognitivo legato all’invecchiamento.

 

Ecco otto nutrienti chiave e le relative fonti alimentari

1. Acidi grassi Omega-3 (EPA e DHA)
Gli acidi grassi Omega-3, presenti in salmone, noci, semi di lino e semi di chia, sono componenti vitali delle membrane cellulari cerebrali. Le loro proprietà antinfiammatorie e antiossidanti promuovono una sana funzione cerebrale, riducendo il rischio di declino cognitivo.

2. Fosfatidilserina
Questo fosfolipide cruciale per le membrane cellulari, in particolare nel cervello, supporta il rilascio dei neurotrasmettitori e può favorire la funzione cognitiva. Integratori di fosfatidilserina derivati dalla soia o da altre fonti sono disponibili oltre alla produzione endogena.

3. Antiossidanti (Vitamine C ed E)
Le vitamine C ed E, abbondanti in agrumi, bacche, noci, semi e verdure a foglia verde, agiscono come antiossidanti, proteggendo il cervello dallo stress ossidativo associato al declino cognitivo legato all’età.

4. Vitamina D
Oltre a svolgere un ruolo cruciale nella salute ossea, la vitamina D supporta la funzione cognitiva. L’esposizione alla luce solare è una fonte naturale, mentre alimenti e integratori arricchiti contribuiscono a mantenerne i livelli.

5. Vitamine del Gruppo B (B6, B9, B12)
Essenziali per la sintesi dei neurotrasmettitori e il mantenimento della mielina, le vitamine del Gruppo B sono presenti in banane, patate, pollame, verdure a foglia verde, fagioli e lenticchie.

6. Magnesio
Coinvolto in oltre 300 reazioni enzimatiche, il magnesio regola i neurotrasmettitori, promuove la plasticità sinaptica e migliora le prestazioni cognitive. Noci, semi, cereali integrali e verdure a foglia verde sono ottime fonti.

7. Zinco
Questo minerale essenziale contribuisce alla trasmissione sinaptica e alla struttura delle proteine cerebrali. Carne, latticini, noci e legumi forniscono zinco, cruciale per la funzione cognitiva.

8. Curcumina
Il composto attivo della curcuma, la curcumina, con le sue proprietà antinfiammatorie e antiossidanti, mostra potenziali effetti neuroprotettivi, riducendo il rischio di declino cognitivo. Integrare la curcuma nella dieta o tramite integratori può essere vantaggioso.

Integrare queste sostanze nutrienti nella dieta quotidiana può contribuire a mantenere il cervello sano e prevenire il declino cognitivo associato all’invecchiamento.

Federica Vitale
Federica Vitalehttps://federicavitale.com
Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

2 Commenti

Comments are closed.

Related articles

Dove seguire gli Europei? Tv, streaming, dirette, app

L’attesa per Euro 2024 sta ormai per finire perché il 14 giugno si parte con la 17a edizione...

Sensori Biometrici Stampati sulla Pelle: Una Rivoluzione nell’Interazione con la Tecnologia

Un team di scienziati ha sviluppato una tecnica innovativa per produrre sensori biometrici direttamente stampabili su una vasta...

Amazon: sconti imperdibili su prodotti tecnologici di ultima generazione

Amazon sa davvero come sorprendere i suoi clienti. Il noto e-commerce ha appena lanciato una marea di nuove...

Piramidi di Giza: nuova teoria su come furono costruite

Le Piramidi di Giza, uno dei più grandi misteri dell'antichità, continuano a suscitare grande interesse tra studiosi e...