Array

Questa minaccia spaziale desta le preoccupazioni della NASA

Date:

Share post:

Un team di ricercatori australiani ha avvertito nei giorni scorsi della crescente quantità di detriti spaziali in orbita intorno alla Terra. Questa presenza potrebbe portare a “collisioni catastrofiche con i satelliti” ed ingenti danni alle economie.

Il problema dei detriti spaziali è concreto

Si stima che circa 170 milioni di rottami di spazzatura spaziale in orbita si trovi a seguito dei nostri lanci esplorativi e di ricerca, di cui ne sono stati identificati solo 22 mila. Dato che i frammenti possono viaggiare ad una velocità di 27 mila chilometri all’ora, anche le piccole parti sono in grado di danneggiare seriamente o distruggere interi satelliti.

Il problema dei detriti spaziali è peggiorato nel corso degli anni“, ha dichiarato Ben Greene, direttore del Centro per lo Space Environment Research Australia. “Stiamo perdendo 3 o 4 satelliti all’anno dalla collisione con detriti spaziali. Siamo molto vicini, secondo le stime della NASA, a perderli tutti entro 5 a 10 anni.

Secondo il ricercatore, inoltre, “è ora possibile avere una valanga catastrofica di collisioni che potrebbero distruggere rapidamente tutti i satelliti in orbita“. E, come indicato, queste collisioni generano ancor più pericoli di ulteriori scontri.

Gli scienziati sostengono che questo problema metta a serio rischio le economie, dal momento che la società dipende seriamente dai satelliti per la navigazione e la comunicazione. I satelliti, infatti, sono funzionali alle industrie dei trasporti, della finanza e dell’energia.

I ricercatori stanno proponendo diversi metodi per risolvere il problema dei detriti spaziali. Greene dice che, al momento, gli scienziati stanno sviluppando tecnologie che potrebbero diventare operativi tra 18 mesi, con l’obiettivo di monitorare tutti i residui spaziali e i veicoli spaziali in grado di muoversi. Un’altra idea è quella di utilizzare laser ad alta potenza di base sulla Terra, che potrebbero contribuire ad eliminare i rifiuti dall’orbita terrestre.

1 commento

Related articles

WhatsApp: arriva la sezione dei contatti online di recente

Un'interessante novità è stata scovata in queste ore all'interno dell'ultima beta dell'app WhatsApp per dispositivi Android. Di che...

Cambiamenti climatici: perché l’inflazione può influenzarli?

Negli ultimi decenni, l'inflazione è diventata una delle principali preoccupazioni economiche a livello globale. Allo stesso tempo, i...

Nuove specie di canguri giganti fossili scoperti in Australia e Nuova Guinea

Paleontologi della Flinders University hanno scoperto tre nuove e affascinanti specie di canguro gigante fossile provenienti da Australia...

Recensione Vasco Translator V4: un traduttore simultaneo in 108 lingue

Vasco Translator V4 è un piccolo dispositivo che apre le porte verso un mondo infinito di opportunità, la perfetta soluzione per...