Lo sviluppo cerebrale svela un paradosso: la crescita del cervello riduce la capacità di sorprendersi

Date:

Share post:

La capacità umana di provare stupore diminuisce progressivamente con lo sviluppo del cervello, secondo uno studio condotto dall’Università di Basilea. Gli “stimoli insoliti” vengono classificati sempre più rapidamente man mano che il cervello si sviluppa, come evidenziato da esperimenti condotti su giovani ratti dal gruppo di ricerca della neuroscienziata Tania Barkat.

Il titolo dell’articolo, “Sorpresa! Come il cervello impara a gestire l’inaspettato“, riflette la ricerca finalizzata a comprendere come il cervello reagisce agli eventi imprevisti durante lo sviluppo. I risultati degli esperimenti mostrano che gli stimoli inattesi vengono organizzati più rapidamente in categorie come “importanti” o “non interessanti” man mano che il cervello matura. Questo rende gli stimoli “significativamente meno sorprendenti” alla terza esposizione.

L’articolo scientifico spiega che mentre i bambini vedono il mondo come pieno di sorprese, gli adulti tendono ad avere più difficoltà a stupirsi. La capacità di riconoscere l’inaspettato è considerata un’abilità cognitiva, essenziale poiché l’ignoto può rappresentare un potenziale pericolo. Con la crescita, il cervello umano diventa più efficiente nel rilevare nuovi stimoli.

Il paradosso sottolinea che la capacità di provare stupore diminuisce in un cervello più sviluppato. Anche se alcune novità possono attirare l’attenzione, non provocano più una reazione inaspettata e un consumo elevato di energia, come avviene durante l’infanzia.

Gli scienziati hanno utilizzato il “paradigma eccentrico” negli esperimenti, presentando ripetutamente uno stimolo uditivo standard intercalato con uno stimolo uditivo diverso per osservare le risposte. La reazione di diverse parti del cervello ai cambiamenti di tono è stata analizzata, dimostrando una diminuzione di intensità nelle regioni mature del cervello.

La neuroscienziata Tania Barkat spiega che lo sviluppo della reazione sorpresa inizia nella periferia del cervello e si conclude nella corteccia cerebrale, che raggiunge la maturità intorno ai 20 anni. Oltre allo sviluppo cerebrale, l’esperienza svolge un ruolo significativo nella risposta della corteccia cerebrale alla sorpresa, come dimostrato dagli esperimenti in cui i ratti cresciuti in un ambiente silenzioso processavano più lentamente gli stimoli inaspettati a causa della mancanza di abitudine agli stimoli esterni.

Photo by mohamed_hassan from PxHere

Federica Vitale
Federica Vitalehttps://federicavitale.com
Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

Related articles

NASA: sparare il ghiaccio nell’atmosfera per combattere il cambiamento climatico

La NASA ha recentemente annunciato un progetto audace e senza precedenti per affrontare i cambiamenti climatici: sparare milioni...

Torna la truffa del premio Lidl: fate attenzione a questa e-mail

Avete ricevuto un'e-mail da parte della catena di supermercati Lidl in cui vi avvisano di essere stati selezionati...

Ivan Balenzio, emessa sentenza che ha sancito diverse decisioni significative

Del caso di Ivan Balenzio, ex Communication Officer presso l'ESRIN, lo stabilimento dell'ESA a Frascati, ne avevamo già...

Computer e disfunzione erettile: i rischio di un uso prolungato

Quando una persona pensa ad un uso prolungato del computer, come aspetti negativi può immaginare una postura scorretta,...